SUL CRINALE DEI PINI

Precedente capitolo:

orrore di altri mondi &

la danza degli spettri

Da:

i miei libri & blog






Una sola volta, alcuni ribelli, gli abitanti di              300px-DeadBigfoot.jpg

Wounded Knee, un piccolo villaggio del Sud

Dakota (chiesa, qualche baracca di legno, bottega

dove c’è di tutto) hanno dissotterrato l’ascia per

ingaggiare battaglia contro i Federali.

Fu qui, sul crinale dei Pini, che nel 1890 il

Settimo Cavalleria si scatenò per l’ultimo massacro.

Quella del Red Power è, di solito, una rivoluzione che

non intende organizzare la violenza, ma suscitare

rimorsi.

Frank James, nome americano, ma sangue indiano,                           1381.jpg

superstite della tribù dei Wampanoag, ha lanciato un

proclama che non è un inno di guerra, ma una requisi-

toria:

– Io vi parlo da uomo e da wampanoag, orgoglioso

della sua ascendenza. Questo è per voi momento di

celebrazioni. Per me è tempo di tristi ricordi. I miei

antenati  accolsero con amicizia i vostri, e commisero il

loro più grande errore. Nell’istante in cui aprivano le

braccia all’uomo bianco, non sapevano che lì a 50 anni

la tribù Wampanoag sarebbe stata eliminata dagli                                 AtWoundedKnee.jpg

ospiti. Che cosa è accaduto? La storia ci parla di atrocità.

Il mio popolo, come tutte le nazioni indiane, è stato

perseguitato, avvelenato, affamato, massacrato,

DISTRUTTO. I libri dicono che ci fu lo scontro fra due

culture. La verità è che voi avete dimenticato troppo

spesso che l’indiano è un uomo come il bianco.

L’indiano sente il dolore, conosce la paura,sogna                                      woundedknee.jpg

soffre di solitudine, ha bisogno di ridere e di piangere.

E’ stato invece trattato, per secoli, da selvaggio, da

animale. Il nostro popolo si è chiuso in se stesso, è

diventato il popolo del silenzio. Ma ora abbiamo deciso

di parlare, di guardare in faccia la verità. Noi siamo

indiani: gli anni han cancellato il nostro passato, la nostra

lingua è quasi estinta, noi siamo dispersi e confusi, abbiamo                   wk6.jpg

perduto le nstre terre, siamo stati sconfitti e conquistati.

Ma il nostro spirito rifiuta di morire. Ieri camminavamo

per i sentieri e le piste sabbiose. Ci avete rincorso peggio

se fossimo stati lupi. Ci avete calunniato peggio del ladri.

Ci avete perseguitato peggio di qualsiasi animale. Ci avete

teso trappole e imboscate, affamato, e ridotto brandelli.

Avete giurato il falso e vi siete divertiti alle nostre spalle.                       wounded-knee.jpg

Ci avete rubato tutto quello che era nostro. Avete confuso

la verià con la calunnia. Vi siete alleati con i peggiori aguzzini.

Oggi dobbiamo calcare l’asfalto delle autostrade, anche lì

avete tentato un’ultima INFAMIA!

(Enzo Biagi, America)






lazzari.jpg

 

SUL CRINALE DEI PINIultima modifica: 2010-07-16T09:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo