L’UOMO BIANCO NELLA TERRA BIANCA

Precedente capitolo:

orrore di altri mondi

i padroni di ieri

Da:

i miei libri & blog







Papik avrebbe ben presto avuto bisogno di quanti amuleti

poteva portare, visto che un nuovo pericolo stava sorgendo

ad accrescere gli ostacoli naturali dell’Artide.

Quando Ivalù aveva quasi quattro anni, un gruppo di e-

sploratori si spinse tanto oltre il circolo polare che Ernenek

e Asiak ne avvistarono l’accampamento nell’aurora boreale

e non seppero resistere alla tentazione di visitarlo.

La spedizione era composta da otto uomini bianchi e di

Eschimesi più numerosi che un uomo contato fino in fondo.

Ancor più impressionante era il numero delle slitte e dei ca-

ni:

19 slitte e una vera fiumana di cani.

Gli eschimesi provenivano da lontane tribù meridionali le

cui usanze erano assai diverse da quelle degli uomini polari:

spesso bollivano la carne, mangiavano i cibi dell’uomo bian-

co e seguivano molte sue usanze.

Gli esploratori credevano che quegli indigeni fossero capaci

di guidarli con sicurezza e perizia attraverso le zone gelate,

ma Ernenek non la pensava così.

Secondo lui, gli Eschimesi meridionali non sapevano molto

più dell’uomo bianco, il che era ben poco; e talvolta ne sape-

vano ancora meno.

Gli stranieri solevano portarsi dietro fin dalla partenza tutto

il cibo e il combustibile necessari in un viaggio. Per strada eri-

gevano tende che il vento portava via o grandi case di neve

che cercavano di riscaldare con stufe a carbone, ma invano,

a causa delle dimensioni degli ambienti.

Inoltre avevano bisogno di numerose slitte per trasportare il

carbone, e di altre slitte per le stufe. Poi occorrevano slitte sup-

plementari per trasportare il cibo per i cani che tiravano il car-

bone e le stufe.

Quindi erano necessari altri Eschimesi per badare a quei cani,

e a quelle slitte, e questi Eschimesi a loro volta necessitavano

di cibo e combustibile, finché tutta la faccenda diveniva un

circolo vizioso senza uscita.

Quando Ernenek si mise a rovistare nelle casse degli esplorato-

ri, ricevette una bastonata sulle dita; e quando, più tardi gli of-

frirono un po’ d’acqua di fuoco, si convinse che gli erano deci-

samente ostili e decise d’andarsene.

Sarebbe stato meglio se lo avesse fatto.

(H. Ruesch, Paese dalle ombre lunghe)





hans_ruesch.jpg
L’UOMO BIANCO NELLA TERRA BIANCAultima modifica: 2010-07-17T20:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo