UNA DIAGNOSI (terza seduta)

Precedente capitolo:

quelli-di-cartagena.html

Da  http://giulianolazzari.myblog.it

http://pietroautier.myblog.it

http://lazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com

Innanzitutto il materiale etnografico non accredita alcuna base ‘biologica’ alla

cosiddetta malattia sciamanica, che apparentemente compare negli anni della

maturazione sessuale. Ci sono certamente molte testimonianze secondo le

quali la malattia comincia a manifestarsi nel futuro sciamano durante la

pubertà, ma la letteratura abbonda anche di notizie su persone in cui questi

disturbi ebbero inizio all’età di venti, trenta o persino quarant’anni.

Un ‘Selkup che diverrà sciamano si ammalerà a diverse età, a 14 anni o 15

anni, ma anche più tardi, a 20 o 21 anni’, scrive E.D. Prokof’ Eva.

E leggiamo in Anokhin:’ L’inizio della chiamata allo sciamanesimo varia tra

i 6 e i 50 anni di età. La più alta percentuale la riceve nel ventesimo’.

Le affermazioni di questo tipo sono moltissime e, in base al materiale in mio

possesso, un buon numero di sciamane uzbeche furono afflitte dalla

malattia ben dopo il matrimonio, quando avevano già avuto da uno a tre

figli.

Incontrai personalmente una di esse, alla quale gli spiriti erano apparsi intorno

ai 60 anni. Quindi, la cosiddetta malattia sciamanica non è necessariamente e

naturalmente connessa con i cambiamenti corporei legati all’età e si può presumere

che dipenda da fattori di diversa natura.

Risulta necessario risalire alle origini della civiltà umana.

Tanto per cominciare, nella remota antichità si pensava che pazzia e disordine mentale

fossero causate dal volere degli spiriti, perciò una persona ‘posseduta’ sarebbe dovuta

svenire e avrebbe dovuto assumere comportamenti inspiegabili in una mente sana.

La necessità di avere attacchi e di manifestare sintomi di pazzia potrebbe dunque

essere stata suggerita allo sciamano dalle tradizioni della sua gente.

Chi fosse stato scelto dagli spiriti, infatti, sarebbe caduto preda di attacchi non perché

epilettico o nevrotico, ma perché sapeva, fin dall’infanzia, che essi colpiscono sempre

e inevitabilmente coloro che sono destinati a diventare ‘servitori degli spiriti’.

(M. M. Balzer, V.N. Basilov, I mondi degli sciamani)

…allego in PDF dichiarazione dei diritti dei nativi e segnalo due siti…

dichiarazione dei diritti dei popoli indigeni.pdf

http://www.unric.org/it/diritti-umani/54

http://www.nativiamericani.it

sciamani.jpg
UNA DIAGNOSI (terza seduta)ultima modifica: 2010-07-23T23:22:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento