ANIMALI E CREATURE MOSTRUOSE: ULISSE ALDROVANDI

Da http://storiadiuneretico.myblog.it

Fu lo studio dei mostri                                             oiklj.jpg

a proiettare Aldrovandi

sulla scena internazionale.

L’esame del drago nella campagna

bolognese il giorno dell’avvento

di Gregorio XIII al soglio pontificio

(13 maggio 1572), suscitò infatti un

vivo interesse, e aumentò enormemente

il numero di visitatori del suo museo, e anche di quelli

che lo consultavano, per lettera o recandosi a Bologna.

In questo lavoro particolarmente impegnativo, date le strette correlazioni 

con l’alta politica, il Nostro dimostra grande prudenza e rigore scientifico.

Siamo nel CINQUCENTO (ed il Nostro…impiega tutto il rigore scientifico

prestato ai moderni mezzi di allora….), poco dopo il concilio di Trento, che 

ha avuto come protagonista, per la competenza giuridica, Ugo Boncompagni

il futuro papa.

Ora, nel nuovo ruolo cui è assunto, Gregorio XIII  ha la grande responsabilità

di applicare le decisioni tridentine. 

Nello stemma di famiglia c’è il drago alato (molti voti e pan salato).

Il drago è il demonio dell’Apocalisse. Quindi, la comparsa di quello strano 

mostriciattolo nella campagna bolognese potrebbe essere interpretata dai nemici

dei cattolici (in veste di laici…s’intende…, la politica è mala sorte compagna mia),

come testimonianza del fatto che Gregorio sia L’ANTICRISTO. 

Per questo, lo studio ‘accurato’ dell’Aldrovandi assume importanza critica.

La storia, anche relativamente recente, contiene racconti di supplizi che furono

sottoposti animali domestici e i loro proprietari (Aldrovandi è muto testimone 

di siffatto dolore, non ha colore la camicetta dell’inquisitore).

Aldrovandi è all’altezza della situazione.

Non sa che cosa sia, tuttavia sostiene che si tratti di un evento inconsueto, ma naturale,

privo pertanto di significati trascendenti. 

Il drago, raffigurato nelle tavole si trasforma così nel trionfo di Aldrovandi e (naturalmente)

di Gregorio (la pagnotta …non è ricotta nemmeno pan salato di un buon palato sulla 

lunga via che da Bologna dritta dritta…. porta fino alla Svizzera).

E l’immagine del drago araldico di Bon-compagni, nel corridoio delle carte geografiche 

in Vaticano e sulla facciata del Palazzo della ZECCA a Bologna, rimane la firma dell’

attività (congiunta) edilizia di questo grande papa e di chi ne CANTO’ LA SORTE…. 

(Animali e creature mostruose, Ulisse Aldrovandi)

…… sito consigliato ……

http://www.filosofia.unibo.it/aldrovandi

kijkml.jpg

  

 

ANIMALI E CREATURE MOSTRUOSE: ULISSE ALDROVANDIultima modifica: 2010-08-04T10:35:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento