DIRITTI INGLESI CONTRO DIRITTI UMANI (3)

Si riteneva che                                                              98786756.jpg 

sarebbe stato

possibile

ottenere il

GENE EREDITARIO,

e che l’aristocrazia

fosse il prodotto,

non della politica,

ma della

selezione naturale.

La trasformazione

dell’intera nazione in

una aristocrazia naturale,

i cui esemplari migliori sarebbero diventati GENI e SUPERUOMINI, fu una delle molte ‘idee’

prodotte dagli INTELLETTUALI delusi dal liberismo, che sognavano di sostituire alle

vecchie classi dominanti una nuova élite con mezzi non politici.

Verso la fine del secolo venne in uso parlare di argomenti politici con termini presi dalla

biologia e dalla zoologia, tanto che nessuno più si meravigliava se uno zoologo scriveva

un articolo su una Visione biologica della nostra politica estera, con la pretesa di aver 

scoperto una guida infallibile per gli statisti. E fra i cultori delle scienze naturali era di 

moda esporre nuovi metodi, sempre più perfezionati, per la selezione dei più validi in

conformità agli interessi nazionali del popolo inglese.

L’aspetto più pericoloso di queste dottrine evoluzioniste consisteva nel combinare il

concetto dell’ereditarietà con l’insistenza sulla realizzazione personale, che era diventata

così importante per la coscienza borghese del XIX secolo. La borghesia aveva interesse a

dimostrare che i ‘grandi uomini’, non gli aristocratici, erano i veri rappresentanti della

nazione, gli individui in cui si incarnava il ‘genio della razza’. 

La superstizione scientifica fornì un’ideale evasione dalla responsabilità politica ‘avvalorando’

l’affermazione di Disraeli che il grande uomo era ‘la personificazione della razza, il suo 

migliore esemplare’. Tale atteggiamento trovò la sua conclusione logica quando un altro

discepolo dell’evoluzionismo dichiarò semplicemente:” L’inglese è il Superuomo e la storia

dell’Inghilterra è la storia della sua evoluzione”.

Una caratteristica del pensiero razziale inglese e tedesco è che esso nacque fra gli

INTELLETTUALI borghesi, non fra la nobiltà, che scaturì dal desiderio di estendere i criteri

di condotta aristocratici a tutte le classi e fu alimentato da un sincero sentimento nazionale.

Così anche l’esaltazione che Carlyle fece del genio e dell’eroe corrispondeva più alla tipica

mentalità di un ‘riformatore sociale’ che a quella di un ‘padre dell’imperialismo britannico’,

un’accusa che molto giustamente gli fu rivolta. Essa gli procurò un vasto pubblico sia in

Inghilterra sia in Germania, e aveva le stesse origini del culto della personalità praticato

dal romanticismo tedesco: l’affermazione dell’innata grandezza dell’individuo,

indipendentemente dal suo ambiente sociale.

Dei fautori di un grande impero coloniale, fra la metà del XIX secolo e l’inizio dell’imperialismo,

nessuno sfuggì all’influenza di Carlyle, ma nessuno predicò una dottrina schiettamente

razzista.

Al pari di quello tedesco, il nazionalismo inglese fu il prodotto di una classe media che non

si era mai interamente emancipata dall’aristocrazia, e perciò racchiudeva in sé i primi germi

dell’ideologia razziale. Ma a differenza della Germania, la cui mancanza di unità rendeva

necessaria una muraglia ideologica che facesse le veci dei confini storici o geografici, le

isole britanniche erano completamente separate dal mondo circostante per mezzo di

frontiere naturali: il loro problema nazionale consisteva nel trovare una concezione dell’unità

fra gruppi che vivevano in colonie sparse al di là dei mari, lontane migliaia di miglia dalla

madrepatria.

(H. Arendt, Le origini del totalitarismo)

Da http://storiadiuneretico.myblog.it

     http://giulianolazzari.myblog.it

     http://lazzari.myblog.it

     www.giulianolazzari.com

  http://dialoghiconpietroautier.myblog.it/archive/2010/08/30/il-pompiere.html

89765678.jpg

 

 

  

DIRITTI INGLESI CONTRO DIRITTI UMANI (3)ultima modifica: 2010-09-10T11:21:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento