L’ORDINE DEL GIORNO

Che il tempo

sia prezioso;                                                         98745366.jpg

che debba essere

gestito,

controllato,

organizzato in

vista dell’

acquisizione di

beni materiali,

della

saggezza

filosofica o della

salvezza

dell’anima;

che, viceversa,

la pigrizia e l’imprevidenza siano da condannare – ecco una serie di convinzioni che si

affermano in proporzione diretta all’instaurarsi delle costrizioni costitutive della civiltà.

A seconda delle circostanze, tali costrizioni hanno riguardato a volta a volta l’aspetto

morale dell’organizzazione del tempo o del suo aspetto materiale e, in qualche caso,

insieme, sia l’uno che l’altro settore, in cui una regolare assiduità era allora richiesta

in vista di un doppio profitto.

Non fare, del proprio tempo, l’impiego migliore possibile, equivaleva a perdere i

propri beni, la propria vita, la propria anima.

Questa prima constatazione ne introduce una seconda: più l’esigenza di una disciplina

del tempo si è fatta imperiosa, più l’individuo ad essa sottoposto è parso incline a

proiettare su spazi immaginari l’idea di una esistenza libera da ogni costrizione.

Parallelamente, dunque, alle regole della vita civile e all’obbligo di fare buon uso del

proprio tempo, si costruisce l’immagine antinomica di un ozio non ancora colpevole

o quella di un riposo futuro, riservato come ricompensa a coloro che non si saranno

dati riposo nella lotta contro le forze ostili alla salvezza; o, infine, quella di una vita

pastorale, in cui la necessità del lavoro e dell’organizzazione del tempo sia meno

pesante. Si potrebbe giungere sino ad affermare che, nella storia della cultura, il

privilegio dell’atemporalità riconosciuto ai fittizi giardini della felicità – paradisi,

‘paesi di nessun luogo’, Arcadie – ha corrisposto, in forma inversa e simmetrica,

alla costrizione che sottoponeva il tempo della vita quotidiana all’obbligo di un

uso scrupoloso. E, paradossalmente, sembra che lo sforzo volto a scongiurare

l’improduttività della pigrizia e dell’imprevidenza abbia contribuito a rendere

desiderabile un ozio liberato dal tempo, offerto in un orizzonte che trascendesse

la necessità delle occupazioni pratiche e della misura del tempo.

(Jean Starobinski, L’ordine del giorno)

Da  http://lazzari.myblog.it

      www.giulianolazzari.com

8786756.jpg
L’ORDINE DEL GIORNOultima modifica: 2010-09-13T19:52:27+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento