CHI E PERCHE’

Oggi ripensando a quegli avvenimenti, avendo a disposizione delle nuove informazioni e dei

nuovi punti di vista, è possibile mettere insieme un quadro ufficioso di ipotesi su quanto

accadde al presidente Kennedy e sul perché accadde.

Credo che quello che è successo nella Dealey Plaza di Dallas il 22 novembre 1963 sia stato un

colpo di stato. Ritengo che sia stato proposto e programmato con notevole anticipo da fanatici

anticomunisti membri della intelligence degli Stati Uniti; che sia stato realizzato, molto

probabilmente senza un’approvazione ufficiale, da individui della CIA appartenenti agli

apparati delle operazioni segrete e da altri collaboratori esterni, non appartenenti direttamente

alle agenzie governative, e mascherato da gente con le stesse opinioni politiche dell’FBI, del

Secret Service, del dipartimento di polizia di Dallas e degli ambienti militari; e penso infine

che il loro scopo sia stato quello di impedire a Kennedy di portare a termine la sua politica

di distensione con l’Unione Sovietica e con Cuba, di mettere fine alla Guerra Fredda.

Un colpo di stato viene definito come un ‘operazione improvvisa, attraverso la quale un

individuo o un gruppo, solitamente con un ricorso limitato della violenza, si impadronisce

dei poteri governativi senza conformarsi alle leggi in vigore nel paese per la sostituzione

dei suoi rappresentanti ufficiali’.

Un colpo di stato per avere successo richiede un certo numero di elementi: un’ampia

programmazione e una preparazione adeguata da parte dei sostenitori; la collaborazione della

guardia pretoriana; una seguente operazione di diversione e di mascheramento; la ratifica

dell’assassinio da parte dei nuovi poteri governativi subentranti; la diffusione di elementi di

disinformazione attraverso i media. Se il concorso di tutti questi elementi ci suona abbastanza

familiare, è perché è esattamente quello che è successo quando John Kennedy venne assassinato.

Non ho un’idea precisa di quando la programmazione e la preparazione dell’operazione possa 

aver avuto inizio. Potrebbe essere stato tanto all’inizio quanto verso la fine del 1960, quando la

CIA preparò un DOSSIER PSICANALITICO sul presidente. Un lavoro di questa natura non 

contemplava certamente l’assassinio del presidente, ma il suo scopo era quello di aiutare la

CIA, o alcuni elementi interni, a raggiungere il loro scopo di influire sulla sua politica estera.

Probabilmente fu solo in seguito, quando Kennedy prese la decisione di arrivare alla

distensione e quando i normali mezzi per controllarne la politica fallirono, che l’assassinio

divenne un’operazione da considerare per quegli elementi della CIA che volevano difendere

gli assetti consolidati della Guerra Fredda.

Chi ci fosse davvero nel complotto non è chiaro.

Ma certamente Guy Banister fin dall’inizio era stato coinvolto in discutibili attività collegabili

con l’assassinio. I membri della sua organizzazione FRIENDS OF DEMOCRATIC CUBA 

furono i primi a impersonificare Lee Oswald, quando tentarono di comprare i dieci camioncini

per l’INVASIONE ALLA BAIA DEI PORCI dal rappresentante Bolton Ford di New Orleans 

nel gennaio del 1961.

(Jim Garrison, JFK Sulle tracce degli assassini)

il viaggio.jpg

   

 

CHI E PERCHE’ultima modifica: 2010-09-25T20:02:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento