IL BOSS A BRUSSELLA E L’ERETICO A BONONIA

 Da http://storiadiuneretico.myblog.it

BOLOGNA:

Fu la Città di Bologna, fecondo gl’ anticha Autori, fabbricata da’ Tofcani,

conflituendola Capitale delle dodici città, che i Tofcani ploffedevano in

Lombardia; di dove furono cacciati da’ Galli, al tempo de’ Tarquinj, e

quefti finalmente da’ Romani, che vi conduffero una Colonia.

Dopo la rovina dell’Impero Romano: Bologna fu foggetta ora i Longobardi,

ora agl’ Efarchi di Ravenna; offendo poi ritornata fotto gl’ Imperatori di

Occidente ai tempi di Carlo Magno, e de’ fuori fuceffori, nel paffare che

fece la fede dell’Impero di Francia in Alemagna, gl’ abitanti di Bologna fi

mifero in libertà, ad imitazione dell’ altre Città di Lombardia.

Non godè però lungo tempo di tal fortuna, poi che le fazzioni de’ Lambertazzi,

e Geremia gli fufcitarono delle guerre così inteftine, che durarono longo

tempo, onde per liberarfene, i Bolognefi ricorfero al Papa. 

Ma trovandofi la Sede Apoftolica in Avignone, ed offerendo nella Chiefa Cattolica 

feguiti de’ Scifmi, la Città tiranneggiata da i Pepoli, Vifconti, e Bentivogli, 

fini che fi fottopofe la protezzione del quale i fuoi abitanti vivono felici (e uno 

poco ubriachi…). 

Quesfta Città è fituata nel mezzo della via Emilia, alle radici de’ Monti Apennini,

che gli ha a Mezzo Giorno, la Romagna all’Oriente, li Ferraree al Settentrione, e 

il Modanefe all’Occidente; ella ha dodici porte, e cinque miglia di giro, oltre due 

miglia di lunghezza, e un miglio di larghezza; Raffomiglia ad una nave, della 

quale la Torre degl’ Afinelli n’ è l’arbore.

Non è circondata da altro, che da femplici muraglie di mattoni, fenza alcuna

fortezza, ciò, che i PAPI hanno accordato a’ Bolognefi. 

(Itinerario d’Italia di Francesco Scotto MDCCXLVII)

1.jpg

   

 

IL BOSS A BRUSSELLA E L’ERETICO A BONONIAultima modifica: 2010-09-29T12:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento