LE VOLPI URBANE

Le volpi urbane non sono                              im_RedFox.jpg

astutissimi finanzieri, sono

volpi davvero.

Hanno il pelo rossiccio,

gli occhi intelligenti, la

coda lunga e folta, l’acre

odore di selvatico di tutte

le volpi del mondo ma non

se ne stanno nella macchia

deserta di uomini dove

di notte l’unico rumore è

il canto dell’allocco, lo 

stridio del pipistrello

oppure, nelle sere dell’amore, il loro stesso guaire e latrare. Le volpi urbane (germanizzate)

sono tra noi, dietro l’angolo di casa nostra e, essendo nate lì, per loro è consueto lo sferragliare

del tram, l’accelerata della moto. Noi ancora non le abbiamo scoperte, ma un giorno, forse, 

non ci meraviglierà se ne vedremo una in fondo al nostro giardino intenta magari a masticare

una bacca di rosa.

Ah – diremo – ecco la volpe.

E niente più.

La volpe è un animale formidabile. Il suo successo, resistente a ogni persecuzione, lo attesta.

Ma chi è la volpe?

Troppe leggende, troppa letteratura. Troppi di noi pensano volpe e subito affiora il luogo

comune. Fedro, Esopo, La Fonataine, Collodi, e racconti del nonno cacciatore, e tante tradizioni,

e miti e superstizioni. Un animale più immaginato che saputo. E del resto non è facile studiare

la volpe, ma oramai da non pochi anni gli etologi sono impegnati, e un certo qual identikit,

seppure un po’ sfumato, comincia a risultare. Così dirò della volpe di campagna, perché è

conoscendo lei che è possibile comprendere come, la campagnola, ha fatto a divenire cittadina.

Ma pur cittadina, diremo ….

– Ah…ecco la volpe!

E niente più.

(Danilo Mainardi, Dalla parte degli animali)

Da http://giulianolazzari.splinder.com

                                                  

  

volpe artica.jpg
LE VOLPI URBANEultima modifica: 2010-10-30T08:47:17+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento