UNA CANZONE: SENOR (racconti di potere yankee)

Senor, Senor,                                       dylan1.jpg

sai dove stiamo

andando?

Lincon County

Road o

l’Armaggedon?

Mi sembra di essere

già passato qui,

Senor,

mi sto sbagliando?

Senor,

Senor,

sai dove lei si nasconde,

quanto tempo ancora

cavalcheremo,

quanto tempo dovrò

marcare quella porta,

Senor,

ci sarà un po’ di consolazione?

C’è ancora un vento maledetto che soffia

sul ponte in alto.

C’è ancora una croce di ferro che pende

dal suo petto.

C’è ancora una banda che suona in quello spiazzo

vuoto

dove una volta lei mi tenne fra le braccia

e disse ‘Non mi dimenticare’.

Senor, Senor, vedo il carro dipinto,

sento l’odore della coda del drago,

non posso sopportare più questa incertezza.

Puoi dirmi chi posso contattare qui, Senor?

Beh, l’ultima cosa che ricordo

prima di spogliarmi e mettermi in ginocchio

è stato quel treno carico di pazzi

impantanato in un campo magnetico.

Uno zingaro con una bandiera sbrindellata

ed un anello sfavillante disse,

‘Figlio, questo non è più un sogno, è realtà’.

Senor, Senor, tu sai che il loro cuore è duro

come il cuoio,

dammi solo un minuto, fammi raccogliere le idee;

devo farmi coraggio e tirarmi su,

sono pronto quando vuoi tu, Senor.

Senor, Senor, bisogna disinnestare questi fili,

rovesciare questi tavoli;

questo posto per me non ha più senso,

puoi dirmi cosa stiamo aspettando, Senor?

(Senor, Bob Dylan)

dylan2.jpg
UNA CANZONE: SENOR (racconti di potere yankee)ultima modifica: 2010-11-10T16:30:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento