IL SINDACATO

Scott Pickett di Indianapolis, un camionista basso di statura ma tutto nervi, con la faccia

piena di rughe, avanzò un reclamo alla TRANSAMERICAN chiedendo un rimborso per

ferie, soste e altri benefici marginali, di 1400 dollari. Dopo sei mesi finalmente ebbe

risposta dalla società. Essa gli offriva, con l’approvazione del funzionario dei

Teamsters Frank Fitzsimmons, il 40% della cifra richiesta.

Il camionista di Indianapolis riferì alla nostra COMMISSIONE:

“Chiamai Frank Fitzsimmons. Gli spedii tutte le prove, e non c’erano possibilità di dubbio

che quel denaro mi spettava effettivamente, tutto quanto, per cui avrei accettato altro

che la somma completa”.

“Lui mi piantò una discussione….Feci quattro viaggi a Detroit apposta per vederlo, senza

riuscirci. Era introvabile anche il signor Dennis. Gli telefonai, ma non potei parlargli. Si

rifiutò di parlare con me e mi rimandò alla filiale locale. Ma il direttore della filiale

non prese posizione”.

Così si rivolse a un avvocato,

Kirkwood Yockey.                                                     kennedy.jpg

Yockey chiamò il legale

della compagnia il quale

lo rimandò a Fitzsimmons.

Yockey ci disse di aver

informato Fitzsimmons

che il suo cliente non si

sarebbe accontentato del

40%. Avrebbe fatto causa.

Fitzsimmons gli disse

allora di aspettare prima

di rivolgersi a un tribunale.

Gli avrebbe fatto parlare da

Hoffa.                                                           jimmy-hoffa.jpg

E un giorno, secondo la

testimonianza di Yockey,

ricevete una chiamata da

Chicago.

“Qui Jimmy Hoffa”,

disse la voce all’altro

capo del filo. Hoffa gli

consigliò di convincere il

suo cliente ad accettare il

40%; se lo avesse fatto, la

mattina seguente gli avrebbe

fatto trovare il denaro in 

contanti a Chicago.

“Mi scusi, signor Hoffa”,

gli rispose Yockey, 

“ma io non riesco a capire

come lei che DOVREBBE                                                            hoffa.jpg

DIFENDERE GLI

ISCRITTI

alla Teamsters Union,

possa raccomandarmi

di convincere uno del

suo sindacato ad

accettare il 40% della

somma che gli spetta

per le ferie pagate di

due anni, il 40% del

conto dell’albergo,

e così via….

NON RIESCO

A CAPIRE

COME POSSA

RAPPRESENTARE I SUOI INTERESSI E IN COSCIENZA DI ACCETTARE QUESTO

TRATTAMENTO E IL 40% DI CIO’ CHE GLI SPETTA”.

Che cosa rispose Hoffa?

Yockey ce lo riferì: “Mi disse che quel tizio avrebbe fatto bene a starsene a casa con sua zia

invece di andare in giro a spendere tanto denaro….”.

Yockey gli chiese: “Potrebbe darmi una ragione valida per cui quest’uomo dovrebbe accettare

il 40%?”.

“Perché glielo dico io”, fece Hoffa.

L’avvocato replicò: “Signor Hoffa, per quanto mi riguarda non è una ragione abbastanza 

valida, per cui se non ne trova di migliori le dirò che andremo in tribunale”.

Yockey andò in tribunale, la società venne subito a un accomodamento e il camionista di

Indianapolis incassò 1200 dollari ….per i danni subiti…

Pickett se ne andò dalla Transamerican perchè perdette il suo autocarro per mancanza di

denaro, PER NON ENUMERARE (in questa sede) LE INNUMEREVOLI INTIMIDAZIONI

SUBITE……

(Robert Kennedy, Il nemico in casa)

Da http://giulianolazzari.splinder.com

kennedy2.jpg

    

IL SINDACATOultima modifica: 2010-11-17T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento