UN’ALTRA CANZONE: HURRICANE

atbar.jpg

Colpi di pistola echeggiano nel bar di notte,

entra Patty Valentine dalla stanza di sopra,

vede il barista in una pozza di sangue,

grida ‘Mio Dio li hanno ammazzati tutti!’.

rubin_carter_1.jpg

Questa è la storia di Hurricane,

l’uomo che le autorità hanno accusato

di un delitto che non ha mai commesso,

messo in una cella di prigione, lui che sarebbe

potuto essere

il campione del mondo.

Tre corpi stesi a terra vede Patty

e un altro uomo, un certo Bello, aggirarsi con

aria misteriosa.

‘Non sono stato io’, dice e alza le mani,

‘Stavo soltanto rubando l’incasso, spero tu

capisca,

li ho visti solo andare via’, dice e si ferma.

‘Uno di noi farebbe meglio a chiamare la

polizia’.

E così Patty chiama i poliziotti

e loro arrivano con le loro luci rosse

lampeggianti

nella calda notte del New Jersey.

Nel frattempo in un’altra parte della città

Rubin Carter e un paio di amici stanno girando

in macchina.

Il pretendente numero uno alla corona dei pesi medi

non poteva certo immaginare che razza di merda

stava per cadergli addosso

quando un poliziotto lo fece accostare al bordo

della strada

proprio come la volta prima e quella prima

ancora.

Questo è il modo in cui vanno le cose a

Paterson,

se sei nero faresti meglio a non farti vedere in

giro per le strade

a meno che tu non vada in cerca di guai.

belloalfred.jpg

Alfred Bello aveva un complice e aveva una

soffiata per la polizia,

lui e Arthur Dexeter Bradley stavano soltanto

facendo un giro.

rubin_carter_2.jpg

Bello disse, ‘Ho visto due uomini fuggire,

sembravano due pesi medi,

sono saltati su una macchina bianca con la targa

di un altro stato’

e Miss Patty Valentine con la testa fece sì.

Un poliziotto disse, ‘Aspettate un attimo, ragazzi,

questo qui non è ancora morto’.

Così lo portarono all’ospedale

e anche se quell’uomo riusciva a malapena a

vedere

gli dissero che poteva identificare il colpevole.

Sono le quattro del mattino e i poliziotti

acchiappano Rubin Carter,

lo portarono all’ospedale e lo fanno andare di sopra.

L’uomo ferito lo guarda coi suoi occhi ormai

morenti

e dice, ‘CHE COSA LO AVETE PORTATO A FARE QUI?

NON E’ LUI!’.

Sì, questa è la storia di Hurricane,

l’uomo che le autorità hanno accusato

di un delitto che non ha mai commesso,

sbattuto in cella di prigione, lui che sarebbe

potuto essere

il campione del mondo.

Quattro mesi dopo i ghetti sono in fiamme.

Rubin è in Sud America a combattere per il titolo

mentre Arthur Bradley è ancora in mezzo al giro

di rapine

e i poliziotti lo stanno tenendo sotto torchio,

cercando qualcuno da incolpare.

nobeer.jpg

‘Ricordi quell’omicidio in un bar?’

‘Ricordi che avevi detto di aver visto la

macchina fuggire?’

‘Pensi di poter scherzare con la legge?’

‘Pensi che potrebbe essere il pugile quello che

hai visto scappare quella notte?’

‘Non dimenticare che sei un bianco’.

Arthur Dexeter Bradley disse, ‘Non sono proprio

sicuro’.

burglary.jpg

E i poliziotti, ‘Un povero ragazzo come te

dovrebbe avere un po’ di tregua.

Abbiamo per te un lavoro in un motel e

parleremo col tuo amico Bello.

Non vorrai mica tornare in prigione, fa’ il bravo

ragazzo

e farai anche un favore alla società,

quel figlio di puttana è uno spavaldo e lo

diventa sempre di più,

noi vogliamo fargli stringere il culo,

vogliamo inchiodarlo a quest’omicidio, TRIPLO.

Non è un gentlemen, Jim’.

Rubin poteva far fuori un uomo con un solo

pugno

ma non gli era mai piaciuto parlarne troppo.

‘E’ il mio lavoro – diceva -, lo faccio solo per

i soldi

e quando sarà finito me ne andrò per conto mio

in qualche paradiso

dove scorrono ruscelli pieni di trote e dove l’aria

è pura

e col mio cavallo cavalcherò lungo un sentiero’.

E invece lo portarono in prigione

dove cercano di trasformare uomini in topi.

Tutte le carte di Rubin erano già state truccate,

il processo fu una sporca buffonata, per lui

neppure uno spiraglio.

Il giudice chiamò per testimoni i più miserabili

ubriaconi.

Per la gente bianca lì presente Rubin era un

fannullone rivoluzionario

e per i neri era soltanto un negro pazzo.

Nessuno dubitò che fosse stato lui a premere il

grilletto

e anche se non poterono mostrare la pistola

il procuratore disse che era stato lui a compiere

il fatto

e la giuria tutta di bianchi fu d’accordo.

all-whitejury.jpg

Rubin Carter fu processato in modo falso

con l’accusa d’omicidio di primo grado e indovinate

chi testimoniò?

Bello e Bradley, e tutti e DUE MENTIRONO

sfacciatamente

e i giornali anche loro stettero al gioco.

Come poté la vita di un tale uomo

essere messa nelle mani di DUE DISGRAZIATI COME

QUELLI?

Vederlo sistemato in modo così ovvio

non ha potuto farmi vergognare di vivere in

un paese

dove la giustizia è solo un gioco.

bobhurricane8.jpg

Ora tutti i crimininali IN GIACCA E CRAVATTA

SONO LIBERI DI BERE MARTINI E VEDER SORGERE IL SOLE,

mentre Rubin siede come Buddha in una cella di

TRE METRI,

un uomo innocente in un inferno in terra.

Questa è la storia di Hurricane

ma non finirà così, finché non ridaranno luce al

suo nome

e non gli renderanno il tempo che ha passato

sbattuto in una cella di prigione, lui che sarebbe

potuto essere

il campione del mondo.

(Bob Dylan, Hurricane)

storia di un eretico.jpg

http://storiadiuneretico.myblog.it

www.giulianolazzari.com

 

kkk3.jpg

           

 

UN’ALTRA CANZONE: HURRICANEultima modifica: 2010-12-04T11:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento