1446 DA FIRENZE A BRUGES: LA STRADA DELLA BANCA (7)

Precedente capitolo

http://dialoghiconpietroautier.myblog.it/archive/2010/11/28/1446-da-firenze-a-bruges-la-strada-della-banca-6.html

hans_memling.png

Dall’altro lato della Reye, nel Markt, sopra la Halle duecentesca si alzava la torre:

ora è alta ottanta metri, allora mancava ancora della parte superiore ottagonale

(costruita nel 1482); nella piazza che era la più grande del centro cittadino, si

teneva il mercato del pesce, altre due piazze non lontane erano destinate al

mercato del grano e a quello delle pelli. Ancora sul Markt vi era forse l’edificio

più sorprendente della città, la Waterhalle della fine del ‘ 200, costruita sopra il

fiume così che le imbarcazioni entravano nel fabbricato per il carico e lo scarico

delle merci al coperto.

Nella bella chiesa di Nostra Signora, luminosamentemd3.jpg

gotica, si trascinava la costruzione dell’altissima torre

di mattoni; arriverà a 122 metri ma sarà finita soltanto

nel 1549. Al vicino ospedale di San Giovanni non era 

ancora arrivato Memling a dipingere i suoi capolavori

(probabilmente è una leggenda che le monache l’abbian

accolto qual soldato ferito).

Un uomo come il Pigli della colta cerchia di Cosimo

si sarà certo incuriosito di quella che si usa chiamare

la scuola pittorica di Bruges, ossia i grandi artisti

fiamminghi del XV secolo che si iscrissero alla 

ghilda cittadina dei pittori ma che per lo più non

erano nati a Bruges (Jan van Eyck probabilmente a Maaseik, Hugo van der Goes

a Gand, Memling nella regione di Magonza).

eyck4.jpg

Il mercante lucchese Giovanni Arnolfini fatto cavaliere da Filippo il Buono, e la moglie

Giovanna Cenami tenevano nella loro casa lo splendido ritratto che si erano fatti dipingere

dodici anni prima da Jan van Eyck e nella chiesa di San Donaziano stava appesa, dello

memling33.jpg

stesso pittore, la Madonna in trono col Bambino tra san Donaziano e il donatore, un

canonico di quella chiesa di nome van der Paele, morto molto vecchio tre anni prima.

goes.jpg

Il 3 maggio tutta la città andava in processione, ogni corporazione preceduta da tre

trombe d’argento.

Lo spasso durava quattro ore.

image003.jpg

Ovviamente partecipava anche il ‘re degli arcieri e dei balestrieri’ che si era guadagnato

il rango due giorni prima, tirando a un pappagallo di legno in uno dei due giardini, 

fuori città, dove quegli specialisti andavano ogni giorno festivo a esercitarsi nel tiro.

(L. Camusso, Guida ai viaggi nell’Europa del 1492)

HalsTwoBoysSinging.jpg

  

 

1446 DA FIRENZE A BRUGES: LA STRADA DELLA BANCA (7)ultima modifica: 2010-12-05T11:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento