LA CACCIA (3)

beluga1.jpg

Precedente capitolo in:

la-caccia-2.html

Come silenziose conchiglie nautili, le prue leggere filavano sul mare, ma

solo lentamente si avvicinavano al nemico. Mentre guadagnavano terreno,

l’oceano diventava sempre più liscio, pareva stendere un tappeto sopra le

onde, pareva un prato a mezzodì, tanto serenamente si estendeva.

moby6.jpg

 

Alla fine il cacciatore ansante venne così vicino alla preda, apparentemente

senza sospetto, che fu distintamente visibile la sua gobba, abbagliante che

scivolava sul mare come alcunché di isolato, continuamente circondata da

un anello ondeggiante della spuma più bella, lanosa e verdestra.

Egli vide le grandi rughe involute della testa leggermente sporgente in

avanti. Innanzi a essa, lontano, sulle morbide acque che parevano un tappeto

turco, procedeva la bianca ombra brillante dell’ampia fronte lattea, un musicale

sciacquio accompagnandone scherzosamente l’onda; dietro, le acque azzurre

rifluivano mescolandosi nella mossa vallata della sua scia, mentre di lato,

bolle splendenti si levavano e le danzavano intorno sui fianchi. Ma queste

bolle erano rotte dai piedi leggeri di centinaia di allegri uccelli, che ornavano

pulcinella.jpg

il mare di piume leggere, e si alternavano nel loro volo irregolare. E come

un’asta di bandiera che si levi dalla chiglia dipinta di una galea, l’asta lunga

da poco spezzata di una lancia sporgeva dalla schiena della Balena Bianca

e, a intervalli, uno del nugolo di uccelli dai piedi leggeri, che svolazzavano

lì intorno, e passava sul pesce sfiorandolo come un baldacchino, uno di

questi, si appolaiava in silenzio dondolandosi su questo palo, le lunghe

penne della coda sventolanti come pennoni.

Un’allegrezza gentile, una forte dolcezza di riposo nella rapidità rivestiva

la balena nella sua corsa. Non il bianco toro, Giove, fuggendo a nuoto con

la rapita Europa aggrappata alle belle corna, con gli occhi amorosi e

ammiccanti fissi da canto alla ragazza, con costante velocità affascinante

correva dritto al recesso nuziale, a Creta; nemmeno Giove, non la sua

grande suprema maestà!, superò la gloriosa Balena Bianca mentre così

divinamente nuotava.

moby5.jpeg

Su ogni morbido fianco, in coincidenza con l’onda divisa che, lambendola

solo una volta, scorreva via via così lentamente su ogni fianco lucente, la

balena spandeva seduzioni.

Nessuna meraviglia allora che qualche cacciatore, indicibilmente trasportato

e attratto da tutta questa serenità, abbia osato assalirla, ma abbia fatalmente

scoperto che quella quiete non era che il rivestimento di uragani.

balena.jpg

Eppure tranquilla, seducemente tranquilla, oh, Balena, tu continui a nuotare,

per tutti coloro che per la prima volta ti vedono, non importa quanti tu ne

abbia prima in quello stesso modo beffati e sterminati.

(Melville, Moby Dick)

mobydick4.jpg
LA CACCIA (3)ultima modifica: 2010-12-13T22:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento