AVVENTURE DELLA DOMENICA POMERIGGIO: UNA GRANDE NAVE SFIDA IL TEMPO (4)

Precedente capitolo

avventure-della-domenica-pomeriggio-una-grande-nave-sfida-il.html

cuttysark.jpg

A quel tempo i marinai erano abituati a effettuare le riparazioni in mare,

e tutti i velieri avevano vele e pennoni di rispetto; la riparazione delle

attrezzature, poi, era una faccenda quotidiana. Ma era raro che si perdesse

il timone. In una simile evenienza, la maggior parte dei capitani si sarebbe

trascinata in qualche modo in un porto convenientemente attrezzato.

Favorevole a questa soluzione, Robert Willis, fratello dell’armatore,

ordinò a Moodie di dirigersi verso il più vicino porto sudafricano.

I due uomini si scambiarono parole grosse, ma alla fine Moodie fece

di testa propria.

images.jpg

Messa la nave alla cappa, cominciò subito i lavori di riparazione, e poiché

ebbe la fortuna di trovare a bordo un modellino del ‘Cutty Sark’ che gli

permise di calcolare le misure del timone, poté ordinare al carpentiere

di ricavarlo dalle grosse tavole che servivano per i pennoni di rispetto.

Le tavole furono poi collegate con la ferramenta fuse dal fabbro dai

sostegni delle tende di riparo. Per quattro interi giorni il ‘Cutty Sark’

rollò e beccheggiò senza pace mentre il nuovo timone veniva approntato.

A un certo punto avvenne un pauroso incidente: un’immensa ondata

spazzò il ponte e rovesciò la forgia insieme con il fabbro e il suo

apprendista, il giovane figlio di Moodie, Alexander, che in quel momento

era intento ad azionare il mantice. Il fabbro ebbe la barba bruciata da

una barra di ferro al calor rosso e Alexander portò sul petto per tutta

la vita le cicatrici delle ustioni provocate dalle braci. Ma, per nulla

scoraggiato, l’equipaggio al gran completo si rimise al lavoro di buona

lena. Fece eccezione soltanto Robert Willis, che continuò a passeggiare

sul casseretto coprendo il capitano di furiosi improperi.

cutty sark - gum bichromate.jpg

Alla fine il ‘Cutty Sark’ fu in grado di riprendere la rotta; il valoroso clipper

doppiò il capo di Buona Speranza e raggiunse Londra il 18 ottobre, 122

giorni dopo aver sbarcato il pilota a Shanghai.

Il ‘Thermopylae’ era arrivato una settimana prima, ma il ‘Cutty Sark’ aveva

percorso 8000 miglia con un timone di fortuna nell’incredibile tempo di 60

giorni, appena poco di più di un qualunque veliero normalmente attrezzato.

Per alcuni, la prodezza di fabbricare e installare un timone in condizioni

atmosferiche contrarie fece passare in secondo piano perfino la competizione.

In ogni caso, da un giorno all’altro il ‘Cutty Sark’ era diventato un eroe nazionale.

Al termine del viaggio, Moodie, esasperato dalle ingiurie di Robert Willis lasciò

il comando. Old Jock fece di tutto per convincerlo a restare, arrivando perfino a

promettergli di non far mai più salire a bordo suo fratello. Ma Moodie fu inflessibile,

e mentre Old Jock gridava che aveva la testa dura come un mulo, andò a comandare

un vapore per una compagnia di Glasgow.

Old Jock aveva parecchi motivi per rimpiangere Moodie. I capitani che cedevano alla

lusinga del vapore ormai erano sempre più numerosi, perché i viaggi erano più

rapidi e le paghe più alte. Trovare buoni comandanti diventava difficile, e si può

dire che quelli che si alternarono sul ‘Cutty Sark’ nei dieci anni successivi

rappresentarono tutti i tipi possibili.

Cutty_sark2.jpg

Il primo fu Francis Willis Moore, ex direttore dei cantieri di Willis.

Moore aveva cinquant’anni e non poteva certo dirsi un tipo duro; inoltre, dato il

suo precedente mestiere, aborriva dal vedere le navi sottoposte a sforzi eccessivi.

Egli rifiutò quindi di spiegare sul ‘Cutty Sark’ tutta la velatura e sotto la sua mano

riluttante impiegò un tempo considerato eccessivo: 110 giorni nel viaggio da Londra

a Shanghai, e 117 nel ritorno.

Willis pensò bene di sostituirlo immediatamente con William Edward Triptaft, che

aveva comandato altre navi della sua flotta. Il ‘Cutty Sark’ continuò a non battere

primati né a vincere regate, ma cominciò a dimostrare di rendere di più con il

vento teso che con brezze deboli, e registrò più di una volta i 15 nodi: nelle mani

di un buon marinaio, il clipper era in grado di tenere ottime velocità.

Ma Tiptaft morì nel 1878 a Shanghai di un attacco di cuore, e Willis si dovette

mettere nuovamente in cerca di un altro capitano.

(A. Whipple, I Clipper, a cura dei redattori delle edizioni Time-Life)

leslie.jpg

  

 

AVVENTURE DELLA DOMENICA POMERIGGIO: UNA GRANDE NAVE SFIDA IL TEMPO (4)ultima modifica: 2010-12-19T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento