FRAMMENTI

nostalghia-4.jpg

Precedente capitolo:

laudate-hominem.html

Quando, fanciullo che ancora non parla,

vivevo nei palazzi del padre mio

nella ricchezza adagiato

e nelle dolci cure di chi mi nutriva,

dalla terra d’Oriente, mia patria,

provvistomi di quanto necessita

per un lungo cammino

i genitori mi fecero partire.

Mercé la dovizia dei nostri tesori

un fardello riunirono:

era grande e leggero, per le mie giovani spalle.

L’oro proviene dalle contrade di settentrione

e l’argento dalle grandi miniere,

dell’India sono i rubini, di Koshan le agate;

mi armarono di un diamante

cui nulla resiste.

La veste costellata di gemme e di oro trapunta

che per me con amore avevan fatto

e la stola dorata dei giovani anni,

mi furono tolte.

Perché non dimenticassi,

un segno di intesa con me concordarono,

imprimendolo nella mente e nel cuore,

e dissero: se, una volta disceso in Egitto,

di là riporterai la perla, l’unica,

che giace negli inferi,

dal serpente assediata che inghiotte ogni cosa,

di nuovo vestirai la veste ingemmata

e la stola in cui la tua forma riposa:

allora con tuo fratello, che tutto ricorda,

araldo diverrai del nostro regno.

Partii dall’Oriente

per una via accedentata e paurosa

in compagnia di due guide,

inesperto com’ero di ogni cammino.

Passati i confini di Maishan,

ostello dei mercati d’Oriente,

giunsi al paese di Babilonia.

Arrivato alfine in Egitto

le guide che scortato mi avevano

mi abbandonarono,

e io, per la via più breve,

verso il serpente rivolsi i miei passi.

Per sottrargli la perla,

dove aveva la tana sostai,

in attesa che lo cogliesse il sonno notturno.

Rimasto solo, avevo aspetto straniero

e ben visibile era il mio esser-diverso

a chi mi era vicino.

In quella contrada il parente incontrai

delle terre d’Oriente;

libero era, giovane e bello a vedersi

figlio di re.

Mi si fece vicino e lo ebbi sodale,

amico divenne, e del mio còmpito

lo feci partecipe.

Lo persuasi a diffidare degli Egizi,

a non confondersi con quegli uomini impuri.

Ma io le vesti di quelli indossai

per non apparire straniero,

come chi, venuto da fuori,

cospiri per riprendersi la margherita.

Temevo gli Egizi svegliassero

il serpente contro di me.

Non ricordo per quale occasione o motivo

scoprirono che non ero dei loro.

All’inganno congiunsero l’arte

e tanto fecero che del loro cibo gustai.

Così scordai di essere figlio di re

e del loro, schiavo divenni.

Scordai anche la perla

per cui ero stato mandato,

e oppresso dal loro cibo

caddi in un sonno profondo.

(Acta Thomae, Il canto della perla)

mandaeer.jpg

 

FRAMMENTIultima modifica: 2011-01-05T19:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento