IL FATTO (progetto Babilonia) (2)

Precedente capitolo

progetto-babilonia-1.html

12035783_401841d581.jpg

Poco prima delle sei di sera del 17 agosto 1989 l’agenzia Ansa mandava i rete

una notizia di 24 righe intitolata: Banche: Bnl accerta operazioni non autorizzate

negli Usa.

Era il riassunto di un comunicato della Bnl dove si annunciava che una serie

di ‘operazioni non autorizzate’ erano state accertate nella filiale americana

di Atlanta, Stato della Georgia. ‘Si tratta’, spiegava il comunicato, ‘di operazioni

che riguardano il finanziamento di esportazioni dirette verso la Repubblica

irachena e che non erano state autorizzate dalla competente direzione Bnl

dell’area del Nordamerica’. 

Le redazioni dei giornali italiani erano insonnolite dal caldo estivo, Ferragosto

era appena passato, molti giornalisti erano in ferie e il comunicato non era 

certo concepito per attirare l’attenzione. Il testo, che il presidente della Bnl

Nerio Nesi aveva personalmente portato al governatore della Banca d’Italia

Carlo Azelio Ciampi per approvazione il giorno dopo Ferragosto, non 

forniva alcuna cifra per chiarire le dimensioni delle ‘irregolarità’.

Il giorno dopo molti giornali ignoravano del tutto la notizia, e quelli che ne

parlavano riferivano della cosa con scarsa evidenza nelle pagine economiche.

Il Corriere della sera, per esempio, si limitava a un articoletto di 40 righe

nascosto sotto l’oscuro titolo: La Bnl nel mirino della Fed. Malgrado la calura

estiva, però, la curiosità di alcuni capiredattori era stata stuzzicata: quali

irregolarità? Quanti soldi c’erano in ballo? Che provvedimenti erano stati

presi? Se si trattava di spiccioli perché fare un comunicato? Se invece il

problema era serio, perché il comunicato non diceva nulla di più? I 

telefoni cominciarono a squillare verso le 12 del mattino (più o meno

all’ora di pranzo) di venerdì 18 agosto tanto alla sede della Bnl di via

Vittorio Veneto, quanto a quella della Banca d’Italia in via Nazionale,

le fonti dei redattori economici erano però assenti, o mute.

A rilanciare la notizia fu Il Mondo.

Nel numero in edicola lunedì 28 agosto, in un articoletto senza firma

ma eccezionalmente ben informato, il settimanale economico rivelava

l’esistenza di una doppia contabilità nella filiale Bnl di Atlanta e faceva

capire tra le righe che le ‘irregolarità’ erano in realtà una catastrofe.

Il muro di silenzio era stato rotto da una fonte interna della Bnl che 

si era data la pena di chiamare il direttore Redento Mori, in vacanza

sulla Costa Smeralda, per spiegargli come stavano veramente le cose.

Mori si mise immediatamente alla macchina da scrivere e mandò il

pezzo a Milano.

Il Mondo non ha mai avuto tirature straordinarie ma viene ritenuto affidabile:

i quotidiani capirono immediatamente che la storia doveva essere vera.

Il giorno dopo, martedì 29 agosto, su tutti i giornali l’affare Atlanta esplodeva

e su la Repubblica Arturo Zampaglione dava la cifra di 2 miliardi di

dollari, circa 2400 miliardi di lire.

‘Non è che la Bnl abbia perso tutti questi soldi’, scriveva Zampaglione, ‘si

tratta infatti di crediti garantiti dalle autorità irachene. L’istituto di Nesi,

però, si è trovato esposto, quasi senza accorgesene, per cifre consistenti

nei confronti di un paese che non ha fama di essere un pagatore puntuale’.

Il tono era ancora rassicurante ma ormai il bubbone era scoppiato. 

(Fabrizio Tonello, Progetto Babilonia)

tank desert storm.jpg

       

 

 

 

 

 

IL FATTO (progetto Babilonia) (2)ultima modifica: 2011-01-18T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento