DA MILANO A CHICAGO IN BICICLETTO (12)

Precedente capitolo

la-bicicletta-l-amante-segreta-11.html

04Masetti-by-Rossiciclista.jpg

Milano, 7 luglio 1893

Signor Direttore

In seguito alla gara velocipedistica Torino-Milano, dove ebbi la fortuna

d’arrivare terzo, mi permetto di farle una profferta che non mi pare

disprezzabile. Come fu accenato nel Corriere stesso, tutti gli anni passo

le vacanze autunnali in viaggio a scopo principalmente d’istruzione, e

l’anno scorso andai in bicicletto a Parigi e Berlino: e ritornai a Milano

per Vienna. Quest’anno avevo ideato per le mie prossime vacanze la

gita in velocipede da Milano a Chicago e ritorno; ma c’è di mezzo il

mare. Ed ecco il gran problema (datemi un punto d’appoggio ed io

vi leverò il mondo) datemi un biglietto da L. 500 o prosciugatemi il

mare; ed io vi farò vedere l’utilità pratica del bicicletto con l’andata

e ritorno in due mesi circa da Milano alla grande Esposizione

mondiale di Chicago.

E’ molto facile la soluzione del mio problema, ma diventa impossibile

quanto il prosciugamento del mare senza un biglietto da L. 500.

La mia partenza è fissata per il 15 luglio, e l’itinerario sarebbe il seguente:

Milano – Domodossola – Vallata e ghiacciaio del Rodano – Interlaken –

Lucerna – Zurigo – Sciaffusa – Basilea – Strasburgo – Francoforte – Colonia –

Liegi – Bruxelles – Calais – Londra – Oxford – Liverpool – New York –

Niagara – Chicago – Washington – Filadelfia – New York – Havre – Parigi –

Dijon – Ginevra – Piccolo S. Bernardo – Valle d’Aosta – Milano, con fermata

di alcuni giorni in tutte le grandi città, e contando ritornare a Milano entro

il mese di settembre p.v.

Ma la mancanza di mezzi, pur troppo, mi costringerà forse a starmene di

qua dell’Atlantico.

Ora se il Corriere della Sera volesse favorirmi il suddetto biglietto da L. 500

che non è molto, io manderei ogni sabato una breve relazione descrittiva del

mio lungo viaggio, la quale potrebbe essere intitolata Da Milano a Chicago

in bicicletta, e comparendo nella cronaca-sport del lunedì non mancherebbe

certo d’interessare il pubblico.

S’ella crede di accettare l’ardita quanto attuale mia profferta, favorisca

rispondermi subito a Pavia, piazza Petrarca.

L. Masetti

Questa l’immediata risposta del direttore del Corriere della Sera:

Ci piacciono le imprese condite d’audacia e di bizzarria.

Accettiamo la proposta del sig. Masetti e teniamo a sua disposizione le 500

lire. Aspetteremo le letterine promesse.

Partenza

Dal Corriere della sera

653246513.jpeg

Ieri mattina, nella fretta degli ultimi preparativi, Luigi Masetti ci ha mandato

le seguenti note:

‘Oggi al mezzogiorno parto.

Quanto agli abiti porterò meco tre paia di calzoncini di tela russa da viaggio e

due paia di stoffa per mutarmi alle fermate; 6 fazzoletti, 4 maglie, 6 paia di calze,

2 davanti di camicia, 2 cravatte, 2 paia di scarpe, un cappello e un berretto.

Quanto al bagaglio tengo meco una valigia legata al supporto e una valigetta

legata al manubrio, contenenti lo stretto necessario per il viaggio; innanzi poi

per ferrovia spedisco alle grandi città una valigia contenente qualche libro e

indumenti da sostituire agli usati.

Per il cibo, secondo il mio metodo, mezzo litro di latte e un paio d’uova con

pane la mattina, colazione abbondante, alla carta, anzi al cartoccio, al mezzogiorno

all’ombra d’una pianta o in albergo di villaggio a cena in albergo di villaggio

dove resterò pure a pernottare. Unico metodo questo per conciliare l’economia

pratica con la tranquillità e la prontezza di servizio’.

(L. Rossi, L’anarchico delle due ruote)

Masetti 03.jpg
DA MILANO A CHICAGO IN BICICLETTO (12)ultima modifica: 2011-01-19T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento