L’UOMO E LA NATURA (5)

Precedente capitolo:

l-uomo-e-la-natura-4.html

Consideriamo senz’altro assurda la convinzione di quanti affermano che l’uso

di mangiare la carne abbia un’origine naturale. Che l’uomo non sia carnivoro per

natura, è provato in primo luogo dalla sua struttura fisica. Il corpo umano infatti

non ha affinità con alcuna creatura formata per mangiare la carne: non possiede

becco ricurvo, né artigli affilati, né denti aguzzi, né viscere resistenti e umori caldi

in grado di digerire e assimilare un pesante pasto a base di carne.

Invece, proprio per la levigatezza dei denti, per le dimensioni ridotte della bocca,

per la lingua molle e per la debolezza degli umori destinati alla digestione, la natura

esclude la nostra disposizione a mangiare la carne.

Se però sei convinto di essere naturalmente predisposto a tale alimentazione, prova

anzitutto a uccidere tu stesso l’animale che vuoi mangiare. Ma ammazzalo tu in persona,

con le tue mani, senza ricorrere a un coltello, a un bastone o a una scure. Fa’ come i

lupi, gli orsi e i leoni, che ammazzano da sé quanto mangiano: uccidi un bue a morsi

o un porco con la bocca, oppure dilania un agnello o una lepre, e divorali dopo averli

aggrediti mentre sono ancora vivi, come fanno le bestie. Ma se aspetti che il tuo cibo

sia morto e se la vita presente in quelle creature ti fa vergognare di goderne la carne,

perché continui a mangiare contro natura gli esseri dotati di vita?

Eppure, neanche quando l’animale è morto lo si potrebbe mangiare così come si

trova, ma si lessa, si arrostisce, si modifica la sua carne per mezzo del fuoco e

delle spezie, alterando, trasformando e mitigando con innumerevoli condimenti

il sapore del sangue, affinché il sapore del sangue, affinché il sapore del gusto,

tratto in inganno, possa accettare quanto gli è estraneo.

Davvero spiritosa è la battuta dello Spartano, che comprò in un’osteria un piccolo

pesce e lo diede da preparare all’oste; quando costui gli chiese formaggio, aceto e olio,

lo Spartano replicò:’Ma se avessi tutto ciò, non avrei comprato un pesce’.

Noi invece, viviamo così mollemente sprofondati nella nostra sete di sangue da

chiamare la carne una prelibatezza; ma poi abbiamo bisogno di intincoli prelibati per

la carne stessa, mescolando olio, vino, miele, garo e aceto a spezie siriane e arabiche,

come se preparassimo effettivamente un cadavere per la sepoltura. Dopo che le carni

sono state così macerate, ammorbidite e, in un certo senso, fatte imputridire prima

del tempo, è realmente arduo per la digestione avere la meglio; e una volta che

quest’ultima ha perduto la battaglia, le carni sono fonte di fastidi terribili e di

malsane indigestioni.

(Plutarco, Del mangiar carne)

Da http://giulianolazzari.myblog.it

http://pietroautier.myblog.it

http://storiadiuneretico.myblog.it

http://lazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com

plutarco.jpg
L’UOMO E LA NATURA (5)ultima modifica: 2011-01-26T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento