VIAGGI IN ALTRI MONDI E TEMPI: IL JAZZ (Django Reinhardt) (13)

Precedente capitolo:

viaggi-in-altri-mondi-e-tempi-il-jazz-django-reinhardt-12.html &

level1.jpg

Eretici in:

eresia-e-ortodossia-una-chiave-di-lettura.html

(paginedistoria.myblog.it)

bivi.jpg

…Django Reinhardt: genio istintivo, chitarra fatta uomo, poteri soprannaturali

venuti dal passato, anima primitiva marcata dal sigillo divino, tali sono le

formule che tornano più frequentemente a suo riguardo.

Come se si negasse al grande manouche (come lo si nega ancor oggi ai suoi

fratelli di razza) la facoltà di darsi uno scopo e di costringersi a uno sforzo

intenso per raggiungerlo. Inadatto a ogni lavoro individuale e a ogni progetto

collettivo, l’immagine dello zingaro indolente e irresponsabile resta viva nella

nostra società.

Non c’è niente di più falso.

django10.jpg

L’abbiamo visto con Django che rieduca con accanimento la sua mano atrofizzata,

lo vedremo più tardi quando imparerà a scrivere o si accosterà alla pittura.

In tutt’altro ordine di idee, lo constatiamo oggi con certe iniziative tzigane che

tendono a provare, nello stupore, dei più competenti che, pur senza

assistenza gadjo, questo popolo può, quando ne sente il desiderio, prendere

in mano e valorizzare il proprio patrimonio culturale.

Per ritornare a Django, si è ripetuto in coro che era nato musicista e per molti

questa spiegazione basta: dopotutto gli tzigani non hanno forse la musica

nel sangue, come i neri hanno il ritmo?

django.jpg

Conosciamo l’antifona di questo razzismo inconscio che iscrive sul conto dell’

eredità ciò che rifiuta allo spirito: si nasce musicista tzigano come si nasce

gobbo! Agli altri, i gadjé, la facoltà di sviluppare un vero talento artistico

a forza d’intelligenza, di austera disciplina e di studi sapienti.

Per interpretare la musica dei rom è sufficiente l’istinto.

Strani parti avvengono in questi campi nomadi dove si concepiscono regolarmente

dei piccoli prodigi del violino o della chitarra, adorni di tutti i doni della

buona fata delle roulotte. La realtà è un’altra: in genere gli tzigani sono

effettivamente sensibilizzati alla musica fin da giovanissimi, ma perché questa

è parte integrante del loro quotidiano, cosa che non accade più nella nostra

società; da loro nessun divertimento familiare, nozze, battesimi o feste, si

fa senza la musica. Ecco l’origine delle dinastie di musicisti come quella di

Django, Joseph, Lousson e Babik Reinhardt o quella di Sarane, Baro, Matelo

Ferret e i suoi figli, senza parlare dei cugini. Resta il fatto che gli tzigani

non sono tutti dei musicisti, e che fra quelli che suonano ci sono anche i

mediocri.

E poi queste tradizioni hanno tendenze a perdersi presso certi gruppi più

esposti degli altri alle diverse pressioni della vita moderna. Eppure chi mi

spiegherà come identifichiamo, senza colpoferire e fin dalle prime note,

un chitarrista gitano?

Quel profumo, quello stile indefinibile che troviamo nei Ferret e in Django…,

quasi tutti gli tzigani, dal più umile al più brillante, hanno quel qualcosa in

più nell’espressività che li rende immediatamente riconoscibili. Però non

possiamo affermare che ciò sia scritto nei loro geni. E’ piuttosto in questa

immersione musicale costante che dobbiamo vedere l’origine di caratteri

così specifici. Da lì la fioritura periodica di numerosi talenti presso gli

tzigani, che siano gitani, manouche o rom, o addittura di bambini

prodigio….

django6.jpg

Oltre l’impronta dell’ambiente sociale o il radicamento culturale, è evidente

che non dobbiamo trascurare lo sfondo artistico dell’epoca per quel che

riguarda la genesi di uno stile. Eppure, quando si tratta di un genio così

profondamente originale come Django, sembra che si siano sistematicamente

occultati tutti gli apporti esterni tranne quelli del jazz nero-americano.

Nessuno dubita del fatto che il manouche fosse un essere eccezionale,

però in tutta logica non poté sottrarsi al fascino delle musiche del suo

tempo. Così ci soffermeremo un po’ sul periodo fra le due guerre che

decise della sua carriera e dove tutto successe precipitosamente: i

generi musicali più diversi ed estranei tra loro si sarebbero felicemente

scontrati nel disdegno delle barriere geografiche o razziali.

(Billard/Antonietto, Django Reinhardt, il gigante del jazz tzigano)

django5.jpg

 

 

VIAGGI IN ALTRI MONDI E TEMPI: IL JAZZ (Django Reinhardt) (13)ultima modifica: 2011-02-05T18:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento