CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (2)

Precedente capitolo:

cronaca-nera-il-processo-della-domenica.html

Altro processo in:

prima-di-grandi-anche-dante-sospetto-d-eresia-2.html

pietroautier1bis.jpg

 

Rimpiattino, rimpiattarello, nascondino, nasconderello.

Piatta-cu-cu o ripostiglio, lo chiamavano i bambini all’Incisa.

Basta essere in due a giocarci, ma è meglio essere in tanti.

Quella domenica pomeriggio dovevano esserci Narciso Biagi, Alpinolo, Cecchino…,

la Beppa di Baracchino e altri dell’età di Amerigo o poco più.

Uno conta e non guarda, finché gli altri sono nascosti e lui poi va a cercarli.

A chi toccasse, Amerigo non sapeva bene. Aveva capito però che c’erano le

sue sorelle maggiori – lui aveva 9 anni -, la Beppa e la Lina già nascoste da

qualche parte nello stanzino della bottega. Doveva entrare anche lui, presto,

se voleva giocare.

Voleva o non voleva?

L’importante è un buon nascondiglio. A volte, però, uno ci sta rimpiattato

così bene che non guarda, non può neppure capire cosa succede fuori, intorno.

Se chi lo deve scoprire stia avvicinandosi senza far rumore e lo stia per pigliare.

O se invece sia proprio il momento giusto per schizzar via. Il difficile è far

capolino. Bisogna vedere, senza essere visti. Qualcuno, talvolta non s’azzarda mai

ad uscirne; sta rintanato come se fose al sicuro.

E invece lo sa, si sa che non è vero.

Più a lungo rimane fermo, al coperto, col cuore che batte forte, più aumentano le

probabilità di essere acchiappato. Ma a comportarsi così, di solito, sono quelli che

non sanno correre svelti, i più paurosi; oppure i più piccini. A volte ci sono i grandi

che li aiutano.

1259228250186_0107fe95.jpg

Se c’è chi conosce meglio degli altri il posto dove si gioca, allora lui è avvantaggiato,

perché può trovare dei ripostigli che nessuno si immaginerebbe neppure.

Carlino, detto il Pelato, conosceva bene la bottega. Per forza; era lì che lavorava,

al n. 43 della strada maestra. Al 45 abitava Amerigo, che quel pomeriggio entrò nel

fondo, come tante altre volte, per giocare.

…E io andai in bottega con Carlino, Carlino chiuse l’uscio di fuori con il catenaccio

di dentro, e chiuse anche la finestrina con le imposte di dentro che guarda il

vicolo stradale. Quando fui in bottega così al bujo come di sera, Carlino mi

condusse nello sferrato accanto al muro dalla parte della finestra, ci aveva fatto

una buca, ma non so quando, mi disse – va qui dentro – ed io ci andai, e lui mi

accomodò disteso voltato in giù con la bocca e con la pancia e mi disse – ora ti

copro col grembiule -, ma invece non mi coprì col grembiule, ma mi vuotò

addosso un corbello di rena, ma io alzai la testa e andai per scappare, e gridai,

ma lui mi prese con una mano il viso coprendomi la bocca, perché non gridassi

e con l’altra mano mi prese il collo per strozzarmi, e mi voleva strozzare, ma

io continuai a gridare, e Carlino allora mi trascinò nello stanzino, che è un

sotto scala e mi teneva con tutte e due le mani per il collo e da ultimo non potevo

più respirare, né vociare, ed ero in terra perché mi ci aveva buttato Carlino e

mi ammazzava. Io lo mordevo nelle dita delle mani, ma non mi potevo più

difendere, perché ormai ero in terra, ma vennero a liberarmi di fuori la Gente,

e sentivo rompere la porta del corridojo, e l’aprirono, e vennero dentro diversi

e c’era anche mio padre, ma allora Carlino mi lasciò andare, e aperta la porta

fuggì in casa, e me mi portarono via, ed ero tutto sangue nella faccia, perché

Carlino mi aveva sgraffiato nel viso.

(P. Guarnieri)

 

giulianolazzari4.jpg

 


CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (2)ultima modifica: 2011-02-27T18:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento