CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (l’assassino è scoperto) (3)

Precedente capitolo:

cronaca-nera-il-processo-della-domenica.html

cronaca-nera-il-processo-della-domenica-2.html

Dialoghi, eretici, strani viaggi in:

dialoghi-3.html

paginedistoria.myblog.it

 

carabiniere.2jpg.jpg

 

Dentro la casa, asserragliata, il pretore con quattro carabinieri e il Grandi.

Fuori, là davanti, una folla inferocita reclamava l’assassino.

Perché ormai era evidente, a far sparire i quattro bambini di cui fino allora

non s’era trovata traccia era stato lui.

Ammazzati li aveva, e seppelliti nella bottega, dove ne avevano trovati i

resti.

Alle quattro del pomeriggio, mentre ancora aspettava i rinforzi militari

del circondario, il Chelini redasse un dettagliato rapporto al procuratore

del re, dove, riepilogati i fatti dei giorni passati, descriveva gli avvenimenti

di quella domenica:

ammazzabambini2bis.jpg

 

Verso le ore 11, 3/4 antimeridiane, da uno stabile a pian terreno nella strada di

mezzo di questo paese dell’Incisa n. 43 sortivano grida strazianti di un piccolo

fanciullo. Accorsa la gente per entrare in detto ambiente fu trovato chiuso al

di dentro da ogni parte.

Atterrato ben presto una porticella per cui vi si accede, entrati alcuni paesani

d’Incisa in quella stnza si presentò loro uno strano spettacolo. Il nominato

Grandi Callisto del fu Giuseppe, di anni 24, di professione carradore e

domiciliato all’Incisa, aveva sotto di sé il fanciullo Turchi Amerigo di

Sebastiano che tentava di strangolare.

Levatogli di sotto questa sua vittima ed esaminata la stanza si trovò una

piccola fossa probabilmente destinata ad accogliere il cadavere di quel giovincello.

Presso detta fossa apparvero ben presto sotterrati a fior di terra, i resti di

uno o più fanciulli di recente inumati.

A questa vista si commosse ben presto la popolazione e fu miracolo se il

Callisto Grandi fu sottratto dall’ira della moltitudine, che voleva far giustizia

immediata. Per interposizione del Segretario, del facente funzione di Sindaco,

dell’Esattore Comunale e di altre persone influenti del paese, il Grandi fu

ricoverato in una casa dello stesso.

carabiniere.2jpg.jpg

Il sottoscritto dietro avviso ricevuto si recava immediatamente sul luogo della

scorta dei RR. Carabinieri, allorché divulgatosi il caso, la moltitudine cresceva

e cresceva pure l’indignazione per il grave caso accresciuta dalla vista del

giovinetto Turchi Amerigo lacerato e contuso e dalle grida dei genitori che

avevano perduto i loro figli e che reclamavano vendetta.

Per sedare la moltitudine abbiamo dovuto lottare a corpo a corpo ad attualmente

sebbene calmata un poco la popolazione pur nonostante non è prudenza sortire

dalla casa dove siamo assediati col Grandi imputato e coi Reali Carabinieri di

Figline in numero di quattro.

ammazzabambini.1bisjpg.jpg

Si è già domandato rinforzi di Carabinieri alle stazioni di Rignano e del

Pontassieve e coll’aiuto di questi si spera di potere, nella serata, condurre il

Grandi, senza inconvenienti, alle Carceri di Figline; e quindi saranno assunti

tutti gli atti pel materiale che per lo speciale del delitto di cui già abbondano i

mezzi e sarà rimesso il processo al più presto possibile.

(P. Guarnieri, L’ammazzabambini)

 

giulianolazzari8bis.jpg

 


CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (l’assassino è scoperto) (3)ultima modifica: 2011-03-20T08:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento