CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (la confessione) (4)

Precedente capitolo:

cronaca-nera-il-processo-della-domenica-l-assassino-e-scoper.html

Eretici, viaggi e strane fosse in:

parentesi-cavernicola.html

il-viaggio-prosegue-10.html


viaggioalcentrodellaterra1.jpg

 

 

Scriva signor Giudice, che in tutti ci ho colpa io e gli ho ammazzati io.

Gli ho uccisi per vendetta, perché il Boneca, padre di Burchi Fortunato

un giorno mi tinse il viso col pennello della tinta di Minio e stetti col

viso tinto tre giorni, perché era tinta a olio, e fu proprio il bambino

Fortunato Burchi che mi tinse e non il di lui padre; e la vigilia della

Candelora la sera alle venti quattro venne nella mia bottega, ed’io

avevo fatto una buca nel sotto-scala apposta per mettercelo appena

mi capitava in bottega, mi capitò, lo portai là nella buca, lo gettai giù,

e lo coprii di terra, e sopra ci misi le legne.

ammazzabambini1.jpg

Arturo Degli Innocenti venne nella mia bottega il giorno della vigilia

di S. Giuseppe, mi fece la birichinata di versarmi tre libbre di Tinta,

gli detti una palata, lo ammazzai e lo seppellii lì in bottega nello

sterrato, e a fare la buca facevo presto, perché la terra era morbida.

Il Martelli Angelo mi cacò nel carbone, lo uccisi, e lo seppellii nella

buca voltato in su con la faccia, e nella bocca gli pigiai la terra, e

coprii tutto il suo corpo di terra, e sopra la terra ci spargevo la

segatura.

Domenica mattina Ventuno di questo mese, venne nella mia bottega

il Paladini, ma veramente quando venne erano le quattro pomeridiane,

avevo preparato la fossa, lo feci entrare nella fossa, e lo coprii di

terra, ma prima l’avevo strozzato con una funicella e la funicella la

bruciai. Questo ragazzo mi aveva dato una spinta una volta, e poi

mi diceva sempre Pelato.

Il Turchi mi tirava sempre le sassate, mi diceva sempre pelato, e

preparai la fossa, ce lo feci entrare, gli vuotai addosso un corbello

di terra per seppellirlo, ma lui alzò la testa, cominciò a gridare, corse

Gente, ed io scappai in un canto della bottega, poi in Casa, e così il

Turchi fu salvato.

fisiognomica_lombroso_N.jpg

Io non ho mai detto nulla a nissuno di aver seppellito in bottega questi

ragazzi, e di averli uccisi, ma jeri sono stato scoperto, e ora era inutile che

seguitassi a negare, e ho confessato la verità perché io solo sono colpevole

e tutti quelli della mia famiglia sono innocenti, e non ne sapevano nulla,

nulla, e gli ho uccisi tutti da me senza l’aiuto di alcuno.

Nel paese dell’Incisa tutti i ragazzi mi canzonavano, mi prendevano a

burla, mi dileggiavano, mi dicevano pelato, ventundito, perché in un

piede ho sei diti, mi dicevano guercio, e nano, e mi facevano il capo grosso,

e quando venivano in bottega mi facevano sempre qualche birichinata,

e ora che ne avevo ammazzati quattro stavo sempre meglio, e mi lasciavano

in pace.

219744996.jpg

Si persuada che due gli ho buttati giù nella buca, gli ho strozzati, e gli ho

ricoperti con la terra, e gli altri due, gli ho uccisi gettandogli nella buca e

facendogli cadere addosso una ruota di barroccio, poi gli ho coperti di terra.

Il Paladini e il Martelli gli ho strozzati, e il Burchi, e il Degli Innocenti gli ho

fatto cadere la ruota giù nella buca, e poi gli ho ricoperti di terra; e quello

di ieri era forte e mi scappò dalla buca.

Per il Turchi la buca l’avevo preparata il sabato sera.

(P. Guarnieri, L’ammazzabambini)

 

ammazzabambini3.jpg

 



CRONACA NERA: IL PROCESSO DELLA DOMENICA (la confessione) (4)ultima modifica: 2011-03-20T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento