LA GRANDE CATASTROFE (19)

Precedente capitolo:

meteoriti-18.html

Prosegue in:

una-conversazione.html

f-dinosaurL2310_468x288.jpg

 

 

Che cosa provocò la catastrofe?

La questione è controversa.

All’epoca c’era un’estesa attività vulcanica in India: la lava fluiva su

oltre un milione di chilometri quadrati, il che ebbe senza dubbio un

effetto determinante sul clima.

In base a diverse prove, però gli scienziati convengono che il colpo

mortale sia stato più improvviso e catastrofico. La Terra, si ipotizza,

fu colpita da un proiettile proveniente dallo spazio: un grande meteorite

o una cometa. Come i detective ricostruiscono gli eventi analizzando le

orme e la cenere di sigaretta sul tappeto, così i geologi hanno studiato la

‘cenere’, ossia uno strato di iridio diffuso in tutto il mondo nel punto

sospetto degli strati geologici.

L’iridio è presente di rado nella crosta terrestre, ma spesso nei meteoriti.

L’impatto avrebbe polverizzato il bolide in arrivo e sparso i suoi resti,

sotto forma di polvere, in tutta l’atmosfera; e la polvere sarebbe poi

ricaduta sull’intera superficie terrestre.

1216451985_load_21_47_42046.jpg

L”orma’, larga 160 chilometri e profonda poco meno di 50, è il gigantesco

cratere di Chicxulub, sulla punta della penisola dello Yucatàn, in Messico.

Lo spazio pullula di oggetti che viaggiano in direzioni casuali a una vasta

gamma di velocità relative. Gli oggetti hanno molte più probabilità di

viaggiare ad alta che a bassa velocità rispetto a noi, sicché la maggior

parte di essi colpisce il nostro pianeta a grandissima velocità.  Per

fortuna sono in genere piccoli e, quando entrano in contatto con l’atmosfera,

prendono fuoco diventando ‘stelle cadenti’; ma alcuni sono abbastanza

grandi da conservare una massa solida fino all’impatto con la superficie

terrestre e, una volta ogni 40 o 50 milioni di anni, un bolide enorme collide

in maniera catastrofica con il nostro pianeta.

copy_of_big_meteor_hitting_earth.jpg

A causa della loro grande velocità rispetto alla Terra, questi meteoriti liberano,

nell’impatto, un’immensa quantità di energia. La ferita d’arma da fuoco è

rovente a causa della velocità del proiettile; un meteorite o una cometa che

collidono con la Terra viaggiano forse ancora più veloci del proiettile di

fucile. E mentre il proiettile di fucile pesa poche decine di grammi, la massa

del proiettile celeste che pose fine al Cretaceo e sterminò i dinosauri si sarebbe

potuta misurare solo in gigantoni. Lo schianto, che dev’essere risonato per il

pianeta alla velocità di 1000 chilometri all’ora, probabilmente assordò tutte

le creature che non furono bruciate dall’esplosione, soffocate dagli incendi

provocati dall’impatto, affogate dallo tsunami alto 150 metri che si formò

in mare in ebollizione, polverizzate da un terremoto mille volte più violento

del più violento dei terremoti provocati dalla faglia californiana di San Andreas.

E quelle furono solo le conseguenze immediate; poi arrivarono le altre.

Le foreste si incendiarono in tutto il globo e il fumo, la polvere e la cenere

che oscurarono il sole in un universo nucleare lungo due anni uccisero quasi

tutte le piante e interruppero di colpo le catene alimentari del mondo.

Non c’è da stupirsi se tutti i dinosauri, con la cospicua eccezione degli

uccelli, perirono. Stupisce, semmai, che sia sopravvissuta qualche forma

di vita dopo un simile cataclisma.

A proposito, la collisione che pose fine al Cretaceo e ai dinosauri non fu la

più grande: l’onore spetta a quella che provocò l’estinzione di massa della

fine del Perminiano, 250 milioni di anni fa: in quell’occasione si estinse il

95% di tutte le specie.

Da prove recenti è lecito arguire che responsabile della madre di tutte le

estinzioni sia stato un meteorite o una cometa, di dimensioni ancora più

grandi. E’ spiacevole dover ammettere che un’analoga catastrofe potrebbe

colpirci in qualsiasi momento.

(R. Dawkins, Il racconto dell’antenato)

 

il viaggio.jpg

giulianolazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com

 

storia di un eretico.jpg

pietroautier.myblog.it

storiadiuneretico.myblog.it

www.giulianolazzari.com

dialoghi con pietro autier.jpg

lazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com

 

impatto5.jpg

 


LA GRANDE CATASTROFE (19)ultima modifica: 2011-04-01T08:25:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento