UCCELLI MIGRATORI 2

Da  http://giulianolazzari.myblog.it

http://pietroautier.myblog.it

Eretici e inquisitori in:

index.html

paginedistoria.myblog.it

 


Sono segnalate nell’Africa tropicale isolate catture di alcuni uccelli

inanellati in Europa.

La popolazione di una stessa località si disperdono in inverno attorno

alla zona di nidificazione, su una direzione predominante N – E ; S – O.

Così le riprese sui laghi svizzeri hanno mostrato un alta proporzione di

svernamenti che provengono dall’Europa orientale, fino a Gabbiani inanellati

in Russia vicino al lago Ladoga. Ma in uno stesso luogo di svernamento convergono

spesso anche uccelli che provengono da direzioni opposte: così a Berlino si

sono trovati mentre svernavano Gabbiani comuni provenienti da N – O, dal

S – E.

Segnaliamo che Gabbiani comuni inanellati nella Camargue furono ripresi mentre

svernavano su tutto il litorale mediterraneo francese, in Italia, in Spagna come

anche sulla costa algerina.

Gli spostamenti di questi uccelli seguono talora i sistemi fluviali, ma non sono

tuttavia in alcun caso tributari dell’acqua: questi Gabbiani passano senza alcuna

difficoltà da un bacino ad un altro.

Aggiungiamo che i giovani sono spesso più intraprendenti degli adulti a causa

di un impulso migratorio netamente più forte.

I gabbiani comuni dimostrano poco attaccamento ai luoghi in cui svernano.

Alcuni passano veramente l’inverno vagabondi da un luogo all’altro; un Gabbiano

inanellato in dicembre a Berlino fu ritrovato 6 giorni dopo a Ginevra, mentre un

altro catturato alla fine di novembre nella capitale tedesca veniva ripreso in Gennaio

nell’Italia meridionale.

Osservazioni di questo tipo si sono compiute in varie riprese in altri luoghi

di svernamento.

Si verifica dunque, durante l’Inverno, una sorta di rimescolamento delle popolazioni,

che ha senza dubbio l’effetto di impedire ogni segregazione geografica.

(questa è …la natura)

uijmnjh.jpg

 

 

UCCELLI MIGRATORI 2ultima modifica: 2011-04-06T15:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento