L’ORIENTAMENTO: OSSIA TEORIE CHE SOSTENGONO FACOLTA’ SENSORIE SCONOSCIUTE

Poesia in:

terza-poesia.html

paginedistoria.myblog.it


Si è pensato innanzitutto al ‘campo magnetico terrestre’ come fonte capace

di fornire agli uccelli il sistema di riferimento necessario a dirigersi.

Da molto tempo si sono avanzate spiegazioni ‘magnetiche’, all’inizio, sembra,

da Viguier (1882), che suppose l’uccello capace di misurare insieme l’intensità

e la direzione del campo magnetico terrestre.

Sappiamo che i punti in cui il campo magnetico raggiunge la stessa intensità si

allineano formando dei veri e propri paralleli magnetici, mentre i punti di eguale

declinazione magnetica formano meridiani.

Di conseguenza questo doppio riferimento rappresenta, in ‘teoria’, un sistema

di coordinate analoghe alle nostre coordinate geografiche, pur non confondendosi

con esse.

Esistono però innumerevoli irregolarità dovute alle anomalie del campo magnetico

terrestre.

In teoria si può concepire, come fece Viguier, che l’uccello, sensibile a queste

due caratteristiche del campo magnetico terrestre, sia capace di dirigersi fondandosi

su di esse.

Quando si trova in un luogo diverso dal suo ‘home’, gli basta volare in modo

che le condizioni magnetiche tendano ad assomigliare alla situazione cui è abitato.

Ma il sistema, logico in teoria, non può reggere in pratica, non fosse altro perché,

date le anomalie del campo magnetico terrestre, le linee di forza e di uguale intensità

sono talvolta parallele, ciò che non consente di avere un sistema di coordinate

utilizzabile.

Fra gli altri studi del passato, spesso ricchi più di polemiche che di scienza, citeremo

tuttavia quelli di Thauzies (1898) e di Casamajor (1926), riguardanti l’orientamento

dei Piccioni viaggiatori, nei quali si trova qualche dato interessante su alcuni aspetti

del problema.

Queste teorie magnetiche sono state riprese, molto di recente, da qualche studioso

moderno e in particolare da Yeagley (1947-51) di cui gli esperimenti e le conclusioni

teoriche formano un tutto coerente e rappresentano un tentativo degno d’interesse

di risolvere il problema dell’orientamento.

Ma prima di abbordare la teoria di Yeagley, segnaliamo l’originale saggio del fisico

danese Ising (1945) che mette in correlazione l’orientamento degli uccelli con forze

meccaniche risultanti dalla rotazione della terra e non dal magnetismo.

Vedremo come Yeagley si richiami ai due sistemi insieme per spiegare l’orientamento

dei migratori.

Come ha fatto notare Ising, quando un uccello si sposta sulla superficie terrestre,

il suo peso varia leggermente in funzione della velocità e della direzione del volo

rispetto al movimento del pianeta.

Infatti la sua velocità si somma o si sottrae alla velocità di rotazione della terra intorno

al proprio asse, ciò che produce per l’uccello una variazione nella costante di

gravitazione g. Beninteso anche la latitudine interviene nella valutazione di questa

forza.

 

 


bussola.jpg

 

L’ORIENTAMENTO: OSSIA TEORIE CHE SOSTENGONO FACOLTA’ SENSORIE SCONOSCIUTEultima modifica: 2011-04-08T06:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento