LA CONDANNA: IL ROGO (8)

Precedente capitolo:

una-passeggiata-il-racconto.html

annacomnena.jpg

 

 

IL ROGO

 

Il primo rogo di cui si è a conoscenza è quello del monaco bogomilo Basilio

a Costantinopoli nel 1110-1115 circa.

Anna Commena, che si dilunga ampiamente sul supplizio, ci fa sapere che

‘i Bogomili nel loro errore sono convinti di poter sopportare senza soffrire

ogni sorta di supplizio, pretendendo che ci fossero degli angeli a sottrarli

perfino al rogo’, e che quando Basilio vide il rogo acceso si mise a recitare

a mezza voce questo versetto: “Tu non sarai toccato, osserverai soltanto con

i tuoi occhi”.

All’altro capo della storia catara, viene insegnato che Cristo ha lasciato una

prova ai suoi discepoli, quella del fuoco, ma ha promesso loro di aiutarli a

sopportarla, che ‘i buoni cristiani non avvertiranno il fuoco, poiché il fuoco

col quale li si arde non può dare pena al corpo’.

Vi-lascio-la-mia-Anima-a19026521.jpg

Per tutta la durata di quella storia, il rogo è soggetto di una tradizione intesa

a confortare.

I catari della Renania ‘hanno affrontato e sopportato il supplizio del fuoco non

solo con pazienza, ma ancor più con gioia’.

Arnaldo arso a Colonia, e Dietrich, arso a Bonn, secondo i loro discepoli ‘salirono

al cielo’.

I Manichei di Orléans nel 1022, ‘si ripromettevano di uscire dal fuoco illesi’. Si

avverte qui, da parte del narratore, l’influenza dell’idea di ordalia, che ebbe

lunga vita nel nord della Francia.

I catari di Leon, nel 1230 circa, ‘quando li si conduce alla morte non hanno affatto

l’aria di affliggersi, ma piuttosto di rallegrarsi’.

Siffata condotta, scandalosa per i benpensanti, trovava compenso, agli occhi dell’

inquisitore domenicano Stefano di Borbone, nel fatto che i corpi dei catari maleodoravano

bruciando, ciò che non si sarebbe dato se fossero stati ortodossi.

Tale tradizione catara era, dunque, basata su una constatazione, sul fatto cioè che

il rogo non causava sofferenze ed una certezza, quella della salvezza, guadagnata

col martirio.

Quest’ultima, in linea d’altronde con il complesso della dottrina cristiana è

confermata dall’abiura scoperta dal professor Manselli in un manoscritto proveniente

da Moissac.

Il martirio teneva il luogo di battesimo, e garantiva la salvezza di un credente non

consolato?

E’ probabile, benché non provato formalmente.

In ogni caso non è possibile considerare altrimenti che come una malevola diceria

l’affermazione del cronista Aubry di Trois-Fontaines, secondo la quale l’arcivescovo

cataro arso a Mont-Aimé il 13 maggio 1239 insieme a 180 fedeli, avrebbe detto:

– Voi sarete tutti salvi, voi che siete stati assolti da me. Io solo sono dannato, perché

non ho un superiore che mi assolva.

 

In-nome-della-Rosa-a19030426.jpg



LA CONDANNA: IL ROGO (8)ultima modifica: 2011-04-19T08:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento