MINTON’S PLAYHOUSE

Precedente capitolo:

negli-stessi-anni.html

 

minton's playhouse


 

Poco più a nord, ad Harlem, un altro appuntamento d’obbligo era

diventato il Minton’s Playhouse, sulla Centodiciottesima, una delle

strade più povere del quartiere.

Il locale non era altro che un loft dell’Hotel Cecil, un albergo davvero

poco invitante. Non era l’unico locale ovviamente.

minton's playhouse

 C’erano il mitico Cotton Club, il Monroe’s, il Victoria, lo Yeah Man,

lo Small Paradise, diventato famoso per aver avuto come camariere

nientemeno che Malcom X.

 

minton's playhouse

Il Minton’s era proprietà di Henry Minton, non certo un grande gestore,

ma ex sassofonista e primo delegato nero dell’Unione musicisti di New

York. In più, Minton aveva avuto l’accortezza di far dirigire il locale a

Teddy Hill, ex bandleader con il quale avevano suonato un po’ tutti i

anche alcuni di quei giovani scapestrati, Dizzy Gillespie primo fra

tutti, che cercavano di dare al jazz un’impronta nuova.

Dunque Hill aveva pensato di mettere nel club soltanto una sezione

ritmica, formata dal pianista Thelonious Monk, dal bassista Nick

Fenton e soprattutto dal batterista Kenny Clarke, che era il generatore

di ogni situazione musicale.

 

minton's playhouse

Per dare vita alle jam session aveva scelto il lunedì, serata di libertà

per quanti lavoravano nei teatri e nei club, organizzando ‘La notte

delle celebrità’.

Il locale era grigio, addirittura povero: una stanza spogliatoio, un bar,

pochi tavolini e una pedana che poteva contenere al massimo sei o

sette musicisti. La cucina era ottima: con tre dollari si potevano gustare

le specialità creole, mentre i cocktail costavano dai 25 ai 30 cents e lo

stesso il baby di whisky.

 

minton's playhouse

Hill aveva anche capito che i giovani musicisti erano stufi di quel jazz

commerciale che andava per la maggiore. Sapevano tutti che lo swing

era stato una cosa splendida sotto le mani di Count Basie, ma che quando

le orchestre bianche se n’erano impadronite era diventato una musica

bolsa, adatta solo a far ballare gli smidollati. Così ognuno di loro cercava

di uscirne, di inventare linguaggi nuovi.

Kenny Clarke era uno di questi.

Raccontava il batterista: ‘Mi ero stancato di suonare alla Jo Jones. Era ora

di cambiare, così avevo spostato il ritmo base della percussione dal tamburo

basso al piatto alto, sul quale potevo ottenere variazioni di tono graduando

il colpo della bacchetta. In più ero libero di picchiare tamburo e timpani per

marcare gli accenti’.

 

minton's playhouse

Anche Thelonious Monk, che proprio Clarke aveva suggerito a Hill, stava

cercando nuove strade. Monk era un autodidatta ma la sua tecnica, almeno

così afferma il batterista Max Roach, era assai vicina a quella di Art Tatum.

All’epoca aveva già scritto temi che sarebbero entrati nella storia, come

‘Round Midnight’, ‘Blue Monk’, e ‘Epistrophy’, ma che erano ancora 

sconosciuti.

 

 

minton's playhouse



MINTON’S PLAYHOUSEultima modifica: 2011-05-15T20:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento