UNA LISTA PER WOODY (2)

 
  
Prosegue in:
 
 
 
 

una lista per woody (2)


….Quello che vi trovai sarebbe potuto uscire da un romanzo poliziesco.

Joe Hill era un emigrato svedese che aveva combattuto nella guerra contro

il Messico. Aveva condotto un’esistenza nuda e misera, intorno al 1910 era

stato un militante sindacale nell’Ovest, una figura messianica che VOLEVA

ABOLIRE L’ORDINAMENTO CAPITALISTICO DEL LAVORO, operaio

meccanico, musicista e poeta.

Lo chiamarano il Robert Burns degli operai.

una lista per woody (2)

 Aveva scritto ‘Pie in the Sky’ ed era stato il precursore di Woody Guthrie.

Questo era tutto quello che avevo bisogno di sapere. Poi, nello Utah, era

stato condannato per omicidio in base a prove indiziarie e fucilato.

La storia della sua vita è intensa e profonda.

Era un organizzatore sindacale   hill2.jpg 

per conto dei Wobblies, il

settore militante della

classe operaia

americana.

Viene messo sotto processo

per aver ucciso il

proprietario DI UNA

DROGHERIA e suo figlio

in una rapina a mano

armata da pochi

dollari e la sua unica difesa

consiste nel dire:

‘PROVATELO!’.

Il figlio del droghiere, prima di morire, spara  un colpo a qualcuno, ma non ci

sono prove che la pallottola colpisca il bersaglio. Joe però presenta una ferita

da pallottola e la circostanza è considerata incriminante. Quella stessa notte

sono cinque le persone ferite da un’arma da fuoco. Vengono curate allo stesso

ospedale, poi rilasciate, e tutte spariscono. Joe sostiene che si trovava altrove

al momento del crimine, ma non dice dove e con chi. Non fa nessun nome,

nemmeno per salvarsi la pelle. La supposizione di tutti è che ci sia coinvolta

una donna e che Joe non voglia esporla alla vergogna.

woody9.jpg

La faccenda diventa ancor più strana e complicata.

Un amico di Joe sparisce il giorno dopo.

Tutto si fa contorto.

Joe è adorato dai lavoratori dell’intera nazione, minatori e lavoratori dei macelli, 

pittori di insegne e fabbri ferrai, stuccatori, installatori di canne fumarie, metallurgici.

depressione2.gif

Chiunque fossero, Joe li aveva uniti e aveva combattuto per i diritti di tutti, aveva

rischiato la sua vita per rendere la vita migliore alle classi più povere, agli

svantaggiati, ai lavoratori peggio pagati e peggio trattati di tutta la nazione.

Se leggete la sua storia, il suo personaggio viene fuori per quello che è.

Lo capite benissimo che non è il tipo di persona che si mette a rapinare e a uccidere un

droghiere a caso. Non rientra minimamente nel suo carattere. E’ impossibile che abbia

fatto una cosa del genere per quattro soldi. Tutto, nella sua vita, parla di onore e di

giustizia. Era un instancabile viaggiatore e un protettore dei deboli in servizio di 

pattuglia permanente. Ma per I POLITICI E GLI INDUSTRIALI che lo odiavano

era solo UN CRIMINALE INCALLITO E UN NEMICO DELLA SOCIETA’.

Da anni cercavano l’occasione per liberarsi di lui.

depressione1.gif

Joe era stato giudicato colpevole ancora prima che cominciasse il processo.

L’intera storia è stupefacente.

Nel 1915 le marce e le manifestazioni in sua difesa riempirono le strade di tutte le

grandi città americane, Cleveland, Indianapolis, St. Louis, Brooklyn, Detroit e molte

altre, dovunque ci fossero lavoratori e sindacati. Fino a quel punto lo conoscevano

e lo amavano. Perfino il presidente degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, cercò di

convincere la magistratura dello Utah a riprendere in mano il caso, ma il governatore

dello Utah fece marameo al presidente. Quando tutto sta per finire, Joe dice:

‘SPARGETE LE MIE CENERI DOVUNQUE TRANNE CHE NELLO UTAH’.

‘Joe Hill’ venne scritta non molto tempo dopo questi fatti.

una lista per woody (2)

 Di canzoni di protesta ne avevo sentite parecchie, ‘Bourgeois Blues’ di Leabelly,

‘Jesus Christ e Ludlow Massacre’ di Woody, ‘Strange Fruit’ resa celebre da Billie

Holiday e altre ancora, ed erano tutte migliori di Joe Hill. Le canzoni di protesta

sono difficili da scrivere senza dal loro un tono che sa troppo di predica. 

Rischiano di venire fuori a una sola dimensione.

Bisogna saper mostrare alle persone un lato del loro carattere che loro stesse ignorano.

Joe Hill non ci va neanche vicino, ma se mai c’è stato qualcuno che poteva ispirare una

canzone, quello era lui. Joe aveva quella luce negli occhi.

hill5.jpg

Pensavo che, se la canzone l’avessi scritta io, l’avrei immortalato in maniera differente,

più come un Casey Jones o un Jesse James. 

Era così che bisognava fare. 

C’erano due maniere di realizzare la cosa. 

Una consisteva nell’intitolare la canzone ‘Scatter My Ashes Any Place but Utah’, spargete

le mie ceneri dovunque tranne che nello Utah, e fare di quel verso il ritornello. 

L’altra era di scriverla                                        Joe_Hill_Funeral.JPG                                                                  

come ‘Long Black Veil’,

qualcuno che parla dalla

tomba, una canzone dal

mondo dei morti.

E’ una ballata nella quale

un uomo sacrifica la sua

vita per non far cadere 

l’onta su una donna e a

causa di ciò che non può

dire deve pagare PER IL CRIMINE COMMESSO DA UN ALTRO.

Più ci pensavo, più ‘Long Black Veil’ mi sembrava una canzone che avrebbe potuto

scrivere lo stesso Joe Hill, la sua ultima.

Non scrissi la canzone per Joe Hill.

Ci pensai, ma non lo feci.

La prima canzone di una certa importanza che finii per scrivere, la scrissi per….

Woody Guthrie.

(Bob Dylan, Chronicles)

sqare3.jpg

    

 

  

UNA LISTA PER WOODY (2)ultima modifica: 2011-05-18T09:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento