VISIONI (in mezzo ai ghiacci)

Precedente capitolo:

un-caso-di-pazzia.html

Prosegue in:

vene-del-sud.html

 

visioni

 

 

Così è accaduto!

Il potere mi è precipitato addosso.

Sulla terrazza aperta alle correnti del mare, mi affaccio, è la stessa

terrazza di Macellum, il suo osservatorio che mi spalanca gli spazi

siderei.

Tutto inesorabilmente ritorna.

Ho conosciuto ostacoli, ingombri, corpi opachi si sono frapposti, apparenze.

Tutto è scivolato via.

Sotto di me una distesa di piccole luci ondeggia sulle due rive,

Costantinopoli, lucerne nella notte, il grande globo di fuoco che rotola

dall’inizio del tempo s’è frantumato in miriadi di scintille.

Il palazzo sotto di me è una grande ruota, non temo congiure, questa

è una notte affabile, preparata da un grande travaglio. 

visioni

Mi scorrono nella memoria immagini.

E’ stato un giorno di riconciliazione, un uccello roco pigola nel buio.

Com’è capriccioso il destino.

Ho un dito indolenzito, un cavallo del corteo, scartando, mi è venuto

addosso, lo sperone del cavaliere mi ha schivato.

Un seppellimento grandioso, quello dell’Augusto Costanzo (in dux di

una Roma antica).

Il corpo riportato da Mopsucrene su un carro era stato imbalsamato.

Una mummia nera stesa su una lettiga dalle aste d’oro, la gualdrappa

del manto di porpora, fanciulli coronati di fiori cantavano, soldati in

armi a passo lento, presbiteri agitavano turiboli gravidi d’incenso,

Roma quanto sei vigliacca e ridicola, piangi il lutto in rosso, ma

indossi un abito nero!

Poi il pianto di flauti.

E’ caduta Babilonia?

No, viene innalzata la Gerusalemme Celeste. 

visioni

Il gran ciambellano proclama con voce stentorea la sua divinizzazione.

Le spoglie sono qui, fra noi, la sua anima è nelle braccia del Dio Immenso.

Il corteo si ferma.

Abbassati, Giuliano, nuovo Augusto, la falce ha la punta sbeccata, 

abbassati, posa la mano sulla terra e ascoltane il battito, fai atto di 

venerazione.

Mi inginocchio, davanti a tutti.

Dentro di me ho un vuoto, la mia pietà l’hanno seccata anni di timore.

Mi sottometto.

Non a lui (un dux senza fiato e memoria) ma alla grande

morte che tutti ci contiene. Eppure è dolce questo mostrare innocenza,

la possibilità che mi sono guadagnato scavando con le unghie il rancore. 

Mi rialzo, scuoto la polvere dalle ginocchia.

Seguo il corteo fino a che il corpo viene murato nel mausoleo fatto

costruire da Costantino, aperto ai venti del mare, ombreggiato dalle

ali dei cherubini, freddo come il ferro.

Gli Dei mi hanno fatto arrivare a questa notte.

Il disegno di restaurare il loro culto è la mia vena segreta.

Gli Alemanni premono di nuovo alle frontiere del nord, i Persiani a

quelle del sud, vicari del corruccio dell’Altissimo. Eppure una nuova

storia viene, ma non può essercene una senza accoglimento, trasformazione

di quanto l’ha preceduta.

Sono il corifeo scelto per annunziare che le molte eredità della Grecia,

di Roma, non scompariranno nel nulla.

Ma Roma è solo una vecchia statua morta.

Una vecchia storia morta.

La linea dell’orizzonte è carica di stelle, sono un viandante sul ciglio,

c’è una quantità di passi da compiere, di decisioni da prendre…in questo

deserto di ghiaccio.

Qualcuno vedo lontano, mi guardano, mi osservano, fanno dei cenni….

(L. Desiato, Giuliano l’Apostata)

 

 

visioni

 

 

  

VISIONI (in mezzo ai ghiacci)ultima modifica: 2011-06-04T16:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento