L’INQUISITORE E IL POSTINO

Il potere totalitario oppressore è il suo Dio (con lui anche ex nazisti);

il modello che egli ha dell’ordine è la simmetria delle croci in un cimitero.

In tale simmetria si incasella, lui stesso, senza discutere: non può immaginare

nulla di nuovo o di diverso.

Il nuovo e il diverso lo spaventano.

Devoto quanto un prete a sistemi già collaudati, divinizza i regolamenti e vi

obbedisce (anche nella ragione di stato contro i suoi fedeli amici) nel modo

in cui obbedisce ai banali canoni dell’eleganza: abito blu, camicia bianca,

cravatta blu.

Il vero inquisitore è un uomo lugubre.

Filosoficamente è il vero fascista assommato al nazista, privo di colore

che serve tutti i fascismi ( e ne diventa docile strumento), tutti i totalitarismi,

tutti i regimi purché servano a mettere gli uomini in fila come croci in un

cimitero.

Lo trovi ovunque vi sia un’ideologia, un principio assoluto, una dottrina

che proibisca all’individuo di essere se stesso.

L’inquisitore si dichiara idealista ma odia gli ideali.

Ha uffici in ogni contrada della Terra, capitoli in ogni volume di storia,

ieri serviva i tribunali dell’Inquisizione cattolica (a caccia di cani!) e del

terzo Reich, oggi serve la caccia alle streghe delle tirannie orientali e

occidentali, di destra e di sinistra.

Egli è eterno, onnipresente, immortale.

E mai umano.

Forse si innamora, all’occorrenza piange e soffre come noi, forse ha

un’anima.

Ma, se ce l’ha giace dentro una tomba così profonda che per disseppellirla

ci vorrebbe un bulldozer, o un trattore.

(Oriana Fallaci, Un Uomo, Rizzoli)

kijhj.jpg

 

 

L’INQUISITORE E IL POSTINOultima modifica: 2011-06-26T10:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento