SULLE SCOGLIERE DI MARMO

 

Nei buoni tempi si era badato appena, e con ragione, a liti e contrasti

che avvenivano nella Campagna, poiché di consimili se ne producono

ovunque sono pastori e pascoli.

A ogni primavera si rinnovavano i litigi circa l’appartenenza del bestiame

non ancora marchiato, e quando cominciava la siccità si ripetevano le risse

presso i pozzi e presso le sorgenti.

Inoltre i grossi tori, che avevano anelli alle narici e la cui immagine turbava

ansiosamente i sogni delle donne alla Marina, penetravano in mandrie

straniere cacciandoli sin presso alle Scogliere di Marmo, a cui piedi si

vedevano sbiancare corna e scheletri.

Il popolo dei pastori era insomma selvaggio ancora e non ammansito.

La tradizione del mestiere passava di padre in figlio sin dall’inizio, e

quando essi sedevano cencìosi in cerchio attorno al loro fuoco, con in

pugno le armi primitive che la Natura (…..) stessa offre, appariva evidente

quanto si distinguessero dal popolo che su declivi collinosi coltiva la vigna.

Essi vivevano come nei tempi quando non si conosceva ancora l’aratro né

il telaio e neppure la casa, e bastava un ricovero provvisorio sulla via percorsa

dai greggi.

Al modo di vivere corrispondevano anche i loro costumi e un rozzo sentimento

del giusto e dell’equo, formatosi interamente secondo la legge del taglione.

Quindi ogni omicidio ed ogni violazione era principio di una lunga catena di

vendette e vi erano guerriglie di fazioni o famiglie, per cui di anno in anno

veniva versato nuovo sangue, benché l’origine prima del contrasto fosse da

gran tempo scordata (anzi non la si conosceva neppure).

I giuristi della Marina usavano indicare come ‘ casi della Campagna’ l’insulsa

e grossolana delinquenza quindi proposta al loro giudizio, né invitavano i 

pastori a comparire al Foro, ma inviarono invece commissari in quelle regioni.

In altri dipartimenti la giustizia era amministrata dai fattori dei magnati e dei

feudatari, che avevano dimora in grandi, castelli; e vi erano anche famiglie di 

pastori liberi, assai ricche di beni, come i Batak e i Belovar.

(E. Junger, Sulle scogliere di marmo, Guanda)

lkmnjhbn.jpg

                                             

SULLE SCOGLIERE DI MARMOultima modifica: 2011-06-29T06:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento