UN RITRATTO

Da http://giulianolazzari.myblog.it

http://pietroautier.myblog.it

Presentiamolo.

Nostra guida di verità.

I fatti.

Delle istantanee al magnesio.

Dei brani di vita che riassumono una ‘malavita’.

Parleremo il meno possibile di noi.

La parola a lui.

Ai suoi partigiani.

Ai suoi cortigiani e cortigiane.

Ai suoi istrioni.

Scriviamo un manuale per ‘l’uomo della strada’. O per chi vuol orientarlo.

Sovente la nausea ci strapperà uno scatto indignato.

La colpa è il fetore che promana dal fango rimescolato.

Bisogna riaccumulare il materiale sparso.

Ridire cose dette.

Rievocare episodi obliati.

Riesumare documenti sperduti.

Raccontare vicende e fatti ignoti o malnoti.

L’ex capitanfracassa della ‘sociale’ balzato ad un tratto nelle superne sfere degli

unti del signore, ad eclissarli tutti in uno splendore di vanità provincialmente

pavonesca, ha avvertito di istinto l’urgenza di far scomparire le macchie del

passato chiassoso e rissoso che pose marattiane che portano per ogni verso

le sue impronte digitali, e non potendo distruggere se stesso, così come aveva

fatto incenerire ogni cosa che lo ‘denunciava’, sì è fatto coprire di una proluvie

d’ornamenti multicolori dorati, brillanti e raggianti: e croci e ciondoli e collari

e commende, e spade e bastoni di comando, e stelle e pennacchi e pergamene

e postume medaglie al postumo valore di guerra e fastose livree votate al

tenace lavorìo delle futuriste tignole, nonché previdenti corazze protettrici della

preziosissima epa.

Vi fu una gara mondiale a chi prima arrivava gittarsi ai suoi piedi col prezioso

carico delle onorificenze nobiliari che lo rendessero degno del concilio dei numi.

E vi corsero, fieri del loro servilismo come gli antichi vassalli verso il loro re,

principi e regine, corti e accademie, chiese e università, ordini secolari ed imperi.

Duce di terra, di cielo e di mare, l’ex fanfarone della palinganesi operaia, ha visto

annullati davanti a sé tutti i limiti della esaltazione della genuflessione e

dell’apoteosi.

Fu un orgia di servilismo attorno alla carogna dell’ex socialista.

Dicono che l’incenso serva per conservare i cadaveri!

Ci riferiamo beninteso, non alla realtà; ma alla esteriorità di quanto si pensa di lui,

del Truce, dai suoi paraninfi e dai suoi cortigiani; vogliam dire a quel gioco di

apparenze che ci ricorda i razzi e le bombarde dei fuochi artificiali nelle sagre

provinciali della nostra giovinezza.

Ché tutto attorno a lui è – come lui – falso e prezzolato e tremebondo e basso e vile

bassamente vigliacco: sia che si tratti dei bordellieri plutarchizzati dal giornalismo

commestibile del regime e ubriacati dal subitaneo imprevisto clamoroso trionfo;

sia che si tratti dei fradici sadisti del cosiddetto ‘vecchio regime’ voronofizzati nei

loro furori liberticidi delle frustate a sangue loro somministrate dalle avvenente

cocotte che li domina e che li servì fedelissimamente in un primo tempo; sia che

venga il turno dei trionfanti ‘ Pallondivento?, di rapisardiana memoria, piantati

oggi come simboli di gloria e di genio culturale romano e latino sul letamaio

dell’intellettualismo ufficiale italiano; sia infine, che ci rivolgiamo a studiare

quella progenia di macachi fredifraghi e vili ed osceni, che tengono nella storia

il primato per onor di famiglia nel rango degli scellerati che cospirano ai danni

della libertà italiana: vogliamo parlare della Corte sconciamente cortigiana di

Roma, cui l’ultimo pezzente gitterebbe un soldo di compassione per il tasso

di infamia con cui paga la malriafferrata corona.

( Armando Borghi )

kjmnhgb.jpg

 

UN RITRATTOultima modifica: 2011-07-05T06:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento