UN FIORENTINO CON UN PO’ DI COSCIENZA

Prosegue in:

i-negri-si-sono-rivoltati.html

 

 

un fiorentino con un po' di coscienza

 

 

1594 Capo Verde.

Ieri, Serenissimo Principe, promessi a Vostra Altezza Serenissima di

raccontarli il modo di negoziare che tenemmo nell’isola di Capo Verde,

dove sbarcati che fummo in terra pigliammo una casa, e cominciammo

a dar voce di voler comprare schiavi: onde quelli portughesi, che li tengono

alla campagna nelle loro ville, a branchi come il bestiame ordinorno

che fossero condotti alla città per farceli vedere.

Vistone alcuni, e domandando de’ prezzi, trovammo che non ci riusciva

l’incetta di tanto guadagno, quanto con la penna stando in Spagna avevamo

calculato, e ciò avveniva perché ne chiedevamo molto più del solito

per causa della quantità delle nave che erano venute quivi, e tutte

volevano caricare schiavi per le Indie, il che causò tanta alterazione

né prezzi, che dove si voleva vendere un schiavo per cinquanta scudi,

al più sessanta, fu forza comprarli per cento scudi l’uno e beato

a chi ne poteva avere per spedirsi, essendo un gran cimento il dire

conviene bere o affogare; al qual prezzo ne comprammo settantacinque,

li dua maschi e l’altro terzo femmine, mescolatamente vecchi e

giovani, grandi e piccoli tutti insieme, secondo l’uso di quel paese,

in un branco come tra di noi si compra un armento di pecore, con

tutte quelle avertenze e circostanze di vedere se siano sani e ben

disposti e senza difetto alcuno della persona loro. 

un fiorentino con un po' di coscienza

Poi ciascun padrone li fa segnare o, per dire più propriamente,

marcare della sua marca che si fa fare d’argento e poi infocata al

lume della candela di sego, con il quale si unge la scottatura e

segno che si fa loro sopra il petto overo sopra un braccio o dietro

le spalle per riconoscerli.

Cosa veramente, ch’a ricordarmi di averla fatta per comandamento

di chi poteva in me, mi causa una certa tristezza e confusione di

coscienza, perché veritieramente, Serenissimo Signore, questo mi

parve sempre un traffico inumano e indegno della professione e

pietà cristiana; non è dubbio alcuno, che si viene a fare incetta d’

uomini o, per dire più propriamente, di carne e sangue umano,

e tanto più vergogna, essendo battezzati, che se bene sono differenti

nel colore e nella fortuna del mondo, nulladimeno hanno quella

medesima anima formatali dall’istesso Fattore che formò le nostre.

Io me ne scuso appresso a Sua Divina Maestà, non stante che io

sappia molto bene che, sapendo Quella la mia intenzione e

volontà esser stata sempre repugnante a questo negozio, non

occorra.

Ma sappialo ogn’uno e sìane Vostra Altezza Serenissima certificata,

che a me questo negozio non piacque mai: pure, come si sia, noi lo

facemmo e forse ancora per questo, insieme la penitenza.

(Francesco Carletti, Ragionamenti del mio viaggio intorno al Mondo)

 

un fiorentino con un po' di coscienza

giulianolazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com 

un fiorentino con un po' di coscienza

pietroautier.myblog.it

storiadiuneretico.myblog.it

www.giulianolazzari.com

un fiorentino con un po' di coscienza

 lazzari.myblog.it

www.giulianolazzari.com

 

 

un fiorentino con un po' di coscienza

 

UN FIORENTINO CON UN PO’ DI COSCIENZAultima modifica: 2011-07-22T17:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo