PASTICCIO DI CARNE (1)

 

pasticcio di carne 1

 

Precedente capitolo:

l-arte-della-fame-2.html

Prosegue in:

pasticcio-di-carne-2.html

 

                       Prefazione di Martin Lutero

                            al ‘Liber Vagatorum’

 

Questo libretto sulla disonestà dei mendicanti fu pubblicato

la prima volta da uno che si definiva ‘expertus in truffis’, cioè

un individuo bene esperto in furfanteria; il che dimostra molto

bene questa operetta, anche se egli non si fosse dato un tale nome.

Ma ho pensato che sarebbe una buona cosa se un tal libro non

solo dovesse essere pubblicato, ma dovesse essere conosciuto

dappertutto, affinché gli uomini possano vedere e comprendere

quanto potentemente il demonio governa il mondo; e ho anche

pensato quanto un simile libro può aiutare il genere umano ad

essere prudente e a guardarsi da lui, cioè dal diavolo.

In verità, siffatto gergo dei mendicanti è venuto dagli Ebrei,

perché molte parole ebree ricorrono nel vocabolario, come può

accorgersi chiunque capisce quel linguaggio.

Ma la giusta comprensione e il vero significato del libro è, dopo

tutto, questo: cioè che principi, signori, consiglieri di stato e

chiunque dovrebbero essere prudenti e cauti nel trattare con i

mendicanti e imparare che laddove il popolo non darà e non

aiuterà i poveri onesti e i vicini bisognosi, come ordinato da

Dio, essa dà, per persuasione del diavolo e contro al giudizio

di Dio, dieci volte di più ai vagabondi e disperati furfanti, nello

stesso modo che noi abbiamo fatto sinora coi monasteri, chiostri,

chiese, cappelle, frati mendicanti, abbandonando sempre il vero

povero.

Per questa ragione ogni città e villaggio dovrebbe conoscere i

propri poveri, come sono iscritti nel registro, e assisterli. Ma

quanto ai mendicanti forestieri ed estranei, essi non dovrebbero

tollerarli, salvo che non abbiano valide patenti e certificati: perchè

tutte le gran furfanterie ricordate in questo libro sono messe in

opera da questi.

Se ogni città volesse solo tenere un occhio sui propri poveri, tali

imposture finirebbero subito. Nei passati anni io stesso sono stato

imbrogliato e messo in ridicolo da tali vagabondi e bugiardi più

di quello che desidero confessare.

Quindi chiunque ode queste parole, diffidi e faccia del bene al

suo prossimo in tutta carità cristiana, secondo gli insegnamenti

del comandamento. 

Così Iddio ci aiuti! Amen. 

(Martin Lutero, Wittemberg, 1528)

 

 

pasticcio di carne 1

 

PASTICCIO DI CARNE (1)ultima modifica: 2011-08-09T21:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento