UN NOBEL PER LA PACE

Precedente capitolo:

il-ritorno-dei-kkk-2.html

Prosegue in:

dialoghi-nella-caverna.html

Foto del blog:

un-nobel-per-la-pace.html 

un nobel per la pace

 

 

Il 25 Novembre 1926 Martin Luther King senior sposa Alberta

Williams, dal quale il 15 Gennaio, nascerà Martin Luther King junior….. 

A quindici anni mi iscrissi al Morehouse College, che era stato frequentato

anche da mio padre e da mio nonno materno: perciò Morehouse aveva

visto tre generazioni della famiglia King.

Non dimenticherò mai le difficoltà che incontrai dopo essere entrato

all’università, perché sebbene al liceo fossi stato tra gli studenti migliori,

mi trovavo ancora al livello dell’ottava classe.

Mi iscrissi al college dell’undicesima classe; non frequentai mai la

dodicesima, e in precedenza avevo già saltato un anno: perciò a

Morehouse ero uno studente molto giovane.

Il periodo che trascorsi al college fu molto emozionante.

Il Morehouse era un ambiente libero, dove per la prima volta ebbi

modo di parlare con franchezza della QUESTIONE RAZZIALE.

I professori non erano costretti nelle grinfie delle sovvvenzioni

statali e potevano insegnare quel che desideravano, in uno spirito

di libertà accademica.

Ci incitavano a ricercare in modo positivo una soluzione ai mali

del RAZZISMO.

Mi resi conto che in quel college nessuno aveva paura; persone

eminenti venivano da noi per sottoporre a una lucida disamina

il problema razziale.

Nel 1944 quando entrai al Morehouse, il mio impegno per la

giustizia razziale ed economica era già radicato. Da studente lessi            

per la prima volta ‘La disobbedienza civile’, il saggio di Henry

Thoreau e fu proprio allora che ebbi il primo contatto con la teoria

della RESISTENZA NON VIOLENTA, nel diniego di questo coraggioso

cittadino del New England, che rifiutò di pagare le tasse e preferì

andare in prigione piuttosto che avallare con il proprio contributo               

una guerra che avrebbe esteso al Messico il regno della SCHIAVITU’.

Rimasi affascinato dall’idea della possibilità di non voler collaborare

con un regime malvagio; ne fui talmente commosso che rilessi il libro

parecchie volte.

Mi persuasi che rifiutarsi di collaborare con il male fosse un obiettivo

morale vincolante quanto quello di cooperare al bene.

Un concetto che nessuno ha propugnato con maggior passione ed

eloquenza di Henry Thoreau.

Grazie ai suoi scritti e alla sua personale testimonianza, abbiamo

eridato un patrimonio di protesta creativa.

Le dottrine di Thoreau presero vita nel nostro movimento PER I

DIRITTI CIVILI; anzi, sono più vivi che mai.

Sia che vengono espressi con una occupazione pacifica di una tavola

calda, o un corteo della libertà nel Mississippi, oppure con una protesta

pacifica di Albany in Georgia, un boicottaggio degli autobus a

Montgomery nell’Alabama, si tratta sempre di ramificazioni dell’

insistenza di Thoreau sul concetto CHE SI DEVE OPPORRE

RESISTENZA AL MALE, e che un uomo dotato di principi morali

non può adeguarsi con pazienza ALL’INGIUSTIZIA.

Appena entrato al college, cominciai a lavorare con le organizzazioni

che cercavano di tradurre in realtà la giustizia razziale.

I buoni rapporti che potemmo allacciare nell’ambito del consiglio

interuniversitario mi persuasero che potevamo contare tra i nostri

alleati molti bianchi, soprattutto fra i più giovani. In passato ero stato

propenso a considerare con risentimento l’intera razza bianca, ma a

mano a mano che ne frequentavo di più, il mio risentimento si andò

attenuando, sostituito da uno spirito di cooperazione.

Ero arrivato a un punto in cui il mio interesse per la politica e i 

MALI DELLA SOCIETA’ era molto spiccato; potevo immaginare

me stesso impegnato nel compito di abbattare le barriere della legge

che IMPEDIVANO AI NEGRI IL GODIMENTO DEI LORO DIRITI.

(Martin Luther King, I have a dream) 

 

un nobel per la pace

 

  

 

UN NOBEL PER LA PACEultima modifica: 2011-10-03T07:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo