DALLA RELAZIONE DEL DOTTOR JEKYLL

Precedente capitolo:

una-rivoluzione-in-campo-letterario-2.html

Prosegue in:

le-mani-del-mostro.html &

il-doppio-mostruoso.html

Foto del blog:

dalla-relazione-del-dottor-jekyll.html 

dalla relazione del dottor jekyll

 

 

 

Circa due mesi prima dell’assassinio di Sir Danvers, ero stato fuori

per una delle mie avventure ed ero rincasato molto tardi.

Il giorno dopo mi svegliai nel mio letto con un senso di curiosa

estraneità. Ma invano mi guardai intorno, invano considerai il

mobilio elegante e le proporzioni della mia stanza, con le sue alte

finestre sulla piazza; invano riconobbi i cortinaggi e il mogano

del mio letto a colonne: qualcosa insisteva a farmi pensare che

non fossi dov’ero, che non mi fossi risvegliato nel luogo dove

sembrava che mi trovassi, ma nella stanzetta dove dormivo di

solito quando ero nella pelle di Hyde.

Quella specie di illusione era così strana che pur sorridendone,

e ricadendo a tratti nel confortevole dormiveglia del mattino, mi

misi a studiarla col mio solito interesse per ogni fenomeno

psicologico (così bella, spoglia, nuda nei suoi primordiali istinti,

venere spoglia schizzo della mente da me sempre desiderata, ora

qui senza freni della fragile psiche, solo Hyde conosce i tuoi più

segreti desideri…).

Ma ero ancora lì che analizzavo come sempre, quando per caso,

in un lucido intervallo di veglia, lo sguardo cadde su una delle

mie mani.

Ora, le mani di Henry Jekyll erano tipiche mani di medico, grandi,

chiare e ben fatte, le mani del buon Jekyll.

Ma la mano che vidi lì sul risvolto del lenzuolo, nella luce giallastra

del mattino, era nodosa e scarna, d’un pallore grigiastro, fittamente

ricoperta di peli scuri: era la mano di Edward Hyde.

Restai a guardarla (la mano e lei così bella nella sua malattia)

almeno per mezzo minuto, (circa 320 sedute), istupidito dalla

mera sorpresa, prima che il terrore mi scoppiasse nel petto, con

lo schianto d’un colpo di piatti in un’orchestra.

Balzai dal letto, corsi allo specchio, l’evidenza m’agghiacciò: sì,

m’ero addormentato Jekyll e mi svegliavo Hyde.

‘Com’era possibile?’

mi chiesi.

E subito dopo, con un nuovo soprassalto di terrore:

‘Come rimediare?’

(R.L. Stevenson,Lo strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde)

 

 

dalla relazione del dottor jekyll

     

DALLA RELAZIONE DEL DOTTOR JEKYLLultima modifica: 2011-10-11T11:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo