IL COLLOQUIO DELLA PREGHIERA

Precedente capitolo:

che-lasci-i-morti-giacere.html

Prosegue in:

quando-il-vento-d-ottobre.html

Foto del blog:

il-colloquio-della-preghiera.html 

 

 

Il colloquio delle preghiere sul punto d’essere pronunciate

Dal fanciullo che va a letto e dall’uomo per le scale

Mentre sale verso il suo amore morente nella sua alta camera,

L’uno incurante verso chi muoverà nel sonno

E l’altro pieno di lacrime all’idea di trovarla morta.

Si aggira nel buio sul suono che essi sanno si leverà

Dalla terra verde ai cieli echeggianti,

Dall’uomo per le scale e dal bambino presso il letto.

Il suono che si alzerà nelle due preghiere

Per il sonno in un paese sicuro e per l’amore che muore

Sarà il volo di un unico dolore. Chi calmeranno?

Il fanciullo dormirà incolume, l’uomo singhiozzerà?

Il colloquio delle preghiere sul punto d’essere pronunciate

Si aggira sui vivi e sui morti, e l’uomo per le scale

Stanotte non troverà morente ma vivo e caldo

Nel fuoco della sua inquietudine il suo amore nell’alta camera.

E il fanciullo incurante verso chi innalza la preghiera

Annegherà in un dolore profondo come la sua vera tomba,

E fisserà, attraverso gli occhi del sonno, il negro occhiuto flutto

Che lo trascina su per le scale verso una che giace morta.

(Dylan Thomas)

 

annan2.jpg

 


IL COLLOQUIO DELLA PREGHIERAultima modifica: 2011-10-20T15:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo