L’ENIGMA DELLA GUERRA

l'enigma della guerra

 

Precedente capitolo:

l-enigma.html

Prosegue in:

i-roghi-della-storia.html

Foto del blog:

l-enigma-della-guerra.html

Appunti, pensieri, …dialoghi in:

imieilibri.myblog.it

 

l'enigma della guerra

 

 

 

Dopo il fallimento della sua ditta di sapone, Hans-Thilo era

stato costretto a chiedere aiuto al fratello, che gli aveva pro-

curato un impiego alla ‘Rolling Chiffrierstelle’, l’ufficio ammi-

nistrativo preposto alle comunicazioni crittate.

Era la sala comandi della rete ‘Enigma’ una struttura superse-

greta che gestiva informazioni estremamente delicate.

 

l'enigma della guerra

 

Tresferendosi a Berlino, Hans-Thilo aveva lasciato la famiglia

in Baviera, dove il costo della vita era sopportabile. Nella ca-

pitale egli conduceva un’esistenza solitaria; impoverito e spae-

sato, sentiva crescere in sé il risentimento per l’irreprensibile

fratello e per la stessa patria, che sembrava respingerlo dopo

il taglio finale.

Il risultato era prevedibile.

Offrendo agli stranieri i segreti di ‘Enigma’ egli avrebbe potu-

to tornare benestante e insieme vendicarsi, compromettendo

la sicurezza del Paese e minando l’organizzazione diretta da 

Rudolf.

 

l'enigma della guerra

 

L’8 novembre 1931 Schmidt varcò l’ingresso del Gran Hotel 

di Verviers, in Belgio, si stabilì per qualche tempo sui Pireni,

per incontrare un agente francese il cui nome in codice era

Rex.

Per 10.000 marchi Schmidt permise a Rex di fotografare due

documenti: il ‘Gebrauchsanweisung fur die Chiffriermaschine’

e lo ‘Sclusselanleitung fur die Chiffriermaschine Enigma’. 

Si trattava in sostanza di due manuali di istruzioni per l’uso

della cifratrice, ma sebbene non fornissero alcun particolare

sui circuiti degli scambiatori, la struttura di questi componen-

ti poteva essere dedotta dalle altre informazioni.

Grazie al tradimento di Schmidt, era possibile costruire una

replica fedele della versione (originale) militare di Enigma.

Tuttavia, ciò non bastava a decifrare i messaggi generati con 

essa. 

 

l'enigma della guerra

 

La forza della cifratura ‘Enigma’ non dipendeva dal tener segre-

to il dispositivo, ma dal tener segreto il suo assetto all’inizio

della cifratura (cioè la chiave). Se avesse voluto volgere in chia-

ro un crittogramma tedesco, un crittoanalista alleato oltre ad 

aver bisogno di una replica della cifratrice avrebbe dovuto

scoprire quale chiave, tra i milioni di miliardi possibili, era

stata impiegata.

Un memorandum germanico così riassumeva la situazione:

‘Si è partiti dal presupposto, nel giudicare la sicurezza del 

crittosistema, che il nemico abbia a disposizione il congegno’.

 

l'enigma della guerra

 

E’ chiaro che il servizio segreto francese funzionava, avendo

trovato un informatore come Schmidt e ottenuto il materiale

che suggeriva le caratteristiche dei circuiti ‘Enigma’.

In confronto, i crittoanalisti francesi apparivano inadeguati,

poco desiderosi e poco capaci di approfittare delle nuove

informazioni.

Tuttavia, dieci anni prima la Francia aveva firmato un accor-

do di cooperazione militare con la Polonia. I polacchi aveva-

no manifestato interesse per tutto ciò che concerneva ‘Enigma’,

 

l'enigma della guerra

 

e in conformità con quell’accordo i francesi si limitarono a 

consegnare agli alleati le riproduzioni fotografiche dei docu-

menti di Schmidt, lasciando al ‘Biuro Szyfròw’ l’impresa dispe-

rata di far breccia in ‘Enigma’.

Al ‘Biuro’ ci si rese subito conto del fatto che i documenti era-

no solo un punto di partenza, ma a differenza di quanto era

accaduto in Francia si decise di procedere, soprattutto a causa

del timore di un’invasione tedesca.

(S. Singh, Codici & Segreti)

 

 

 

l'enigma della guerra

   

L’ENIGMA DELLA GUERRAultima modifica: 2011-12-10T21:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo