IL MIO NOME E’ WOODY NON LO DIMENTICARE

 

woody10.gif

 

Precedente capitolo:

e-le-parole-seguivano-il-pensiero-di-chi-come-me-predicava-u.html

Prosegue in:

anche-in-montagna-mi-puoi-portare.html

Foto del blog:

giulianolazzari.fotoblog.it

Libri, memorie…dialoghi…

imieilibri.myblog.it

Un sito….

www.giulianolazzari.com

 

il mio nome è woody non lo dimenticare

 

 

  

Woodrow Wilson Guthrie era un uomo piccolo, energico, batta-

gliero come un galletto; i suoi lineamenti erano scarni, e capelli

ispidi e cespugliosi, la voce aspra, nasale.

Ebbe un ruolo unico nella storia della musica popolare americana. 

Nato a Okemah, Oklahoma, nel 1912, nell’adolescenza fu una delle

vittime della Dust Bowl. Per tutta la vita scrisse l’elegia degli uomi-

ni vittime DEL SISTEMA E DEI POTENTI CHE QUEL SISTEMA

CONTROLLANO.

 

guthrie3.jpg

 

Tra il 1932 e il 1952 scrisse più di mille motivi, smettendo solo

quando la sua voce e la sua penna furono messe a tacere dal

sopravvenire del morbo di Huntington, una malattia devasta-

trice che per quindici anni gli sconvolsero il corpo prima di

ucciderlo.

Molte sue canzoni fanno parte della tradizione popolare ame-

ricana e vengono cantate da persone che neanche conoscono il

suo nome, dei componimenti che teorici ed accademici concor-

dano nel giudicare vere canzoni popolari, sebbene il loro autore

sia conosciuto: infatti secondo i puristi del folk un motivo non è

popolare finché non viene filtrato da parecchie voci ed il suo auto-

re non scompare nelle ombre della storia, come è avvenuto per

gli autori della Bibbia e dei racconti mitologici greci.

 

il mio nome è woody non lo dimenticare

           

Questa regola, tuttavia, non vale nel caso di Guthrie.

Lui era autentico.

Parlò delle disgrazie che colpirono lui, e gli altri Okie come

lui. E scrisse anche canzoni di protesta, canzoni ispirate da

UNA MENTE RIBELLE da un’ardente presa di coscienza sol-

lecitata dalla Depressione e dalle catastrofiche tempeste di

sabbia.

Negli anni 40 anche i puristi dovettero inchinarsi e lo acclama-

marono quale autore di ballate e canzoni popolari autentiche.                  

 

il mio nome è woody non lo dimenticare

 

Guthrie fu veramente tutto ciò che i suoi ammiratori dissero

di lui.

Pete Seeger, ad esempio, pur moderandosi: ‘Credo che un gran

numero delle migliaia e passa di strofe che ha scritto vivranno

oltre questo secolo’.

Per John Steinbeck, Guthrie fu ‘l’essenza dello spirito americano’.

Lo studioso del folklore Greenway parlò di lui come ‘il più gran-

de personaggio della musica popolare americana’.

Clifton Fadiman, sul New Yorker: ‘Guthrie e le sue canzoni fanno

parte del patrimonio nazionale non meno di Yellowstone e Yose-

mite, e sono fra le cose migliori che questo paese possa offrire al

mondo’.

Guthrie fu indubbiamente tutto questo.

 

woody6.jpg

 

Finché la gente canterà e suonerà la chitarra canzoni come ‘This

Land Is Your Land’, ‘Roll on Columbia’, ‘So Long’, ‘It’s Been Good

To Know You’, e alcune delle Dust Bowl Ballads e tante altre balla-

te e talking blues scaturiti dalla sua mente e dalle corde della sua

chitarra, rimarranno patrimonio comune.

 

 

 

 

il mio nome è woody non lo dimenticare

   

IL MIO NOME E’ WOODY NON LO DIMENTICAREultima modifica: 2011-12-30T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo