SE VUOI PUOI PRENDERE NOTA DEL MIO VAGARE (giammai copiare le rime eretiche del mio pensare…ciarlatano del reame…)

 se vuoi puoi prendere nota del mio vagare

 

Precedente capitolo:

e-ancor-piu-indietro-scrutare.html

Prosegue in:

la-storia-lascio-parlare.html

Foto del blog:

e-una-lettera-donare.html

Libri, memorie, …dialoghi….

imieilibri.myblog.it

Un sito…

giulianolazzari.com 

 

se vuoi puoi prendere nota del mio vagare

 

 

 

Breve appunto…..

 

 

In altre parole la fede, il modo in cui il singolo agisce

la propria religiosità, viene visto come connotato da

una immediata rilevanza pubblica: riguarda la collet-

tività, l’insieme di tutta la società.

La compattezza della fede è sentita come fondamento

della solidità dello stesso stato.

La logica è la stessa, anche se applicata sul piano inter-

no, di quella che aveva sostenuto, verso l’esterno, le cro-

ciate: qui si trattava di combattere l’infedele che offende

con la sua sola presenza l’universalità della fede cristia-

na; nel caso dell’Inquisizione invece la ‘crociata’ è rivolta

contro l’eretico, portatore di una forma di infedeltà al 

cristianesimo ancor più pericolosa e insidiosa.

La diversità nella fede, nelle opinioni, nei costumi, è vis-

suta come potenzialmente in grado di dissolvere il siste-

ma sociale, di aprire in esso pericolose e insanabili cre-

pe. E’ su questo sfondo che si comprende il sorgere dell’

Inquisizione e simmetricamente (per non creare dubbi o

malintesi storici) il fondamentalismo di opposta natura

storica. Entrambi alimentano i loro roghi e giustificano

i loro abomini su questi principi.

Si comprende altresì solo a partire da questo scenario

anche la complicità che le strutture del potere secolare

presteranno sempre al tribunale inquisitoriale: se l’uni-

versalità e omogeneità della fede è garanzia di ordine

sociale, di moralità, di controllo del dissenso politico e

ideologico, è evidente che gli stati avranno tutto l’inte-

resse a mantenere in vita questo prezioso strumento di

pressione sulle coscienze e di repressione delle diversità, 

anche perché, per le fragili identità statali l’uguaglianza

di credo religioso diventa un insostituibile collante socia-

le e politico.

Anche se il paragone può apparire azzardato e fuori luo-

go, il compito sociale della fede è simile sotto certi aspetti

a quello dello sport. I fedeli dello sport nazionale si posso-

no accumonare a quelli che si accalcano nelle ricorrenze re-

ligiose, entrambi uniscono l’identità di uno stato, provincia,

comune….., e da essi sono adoperati.

(Benazzi/D’Amico, Il libro nero dell’Inquisizione)

 

 

 

 

se vuoi puoi prendere nota del mio vagare

       

SE VUOI PUOI PRENDERE NOTA DEL MIO VAGARE (giammai copiare le rime eretiche del mio pensare…ciarlatano del reame…)ultima modifica: 2012-01-09T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo