E LA CREAZIONE DEL MONDO NARRARE

 e la creazione del mondo narrare

 

Precedente capitolo:

allora-in-un-lontano-mare-ti-voglio-portare.html

Prosegue in:

con-una-vecchia-leica.html

Foto del blog:

e-la-creazione-del-mondo-narrare.html

Libri, appunti, dialoghi…

imieilibri.myblog.it

Un sito…

www.giulianolazzari.com 

 

e la creazione del mondo narrare

 

 

 

 

Poco tempo era passato,

un momento sol trascorso.

Volò dritta un’anatrella,

una folaga leggiadra

e cercava un luogo al nido

ed un posto ove fermarsi.

Volò a oriente, ad occidente,

a maestrale, a mezzogiorno.

Non trovò luogo nessuno,

non un posto dei peggiori,

dove il nido fabbricare,

dove un poco riposare.

Si liberava, svolazzava

e pensava e meditava:

‘Se nei flutti faccio stanza

e nell’onde dimoranza?

Butta giù la stanza il vento

ed il flutto in un momento’.

Ma la madre delle acque,

quella Vergine dell’aria

un ginocchio alzò dal mare,

sollevò dall’onde il dorso,

perché il nido vi posasse

l’anatrella si fermasse.

Volò dritta l’analtrella,

svolazzò per ogni verso.

Finché scorse quel ginocchio

sollevato sopra l’acqua;

Credé fosse un monticello,

un erboso praticello.

Si librò con volo lento,

si calò sopra il ginocchio.

Il nido colà fece,

vi depose l’uova d’oro:

di quell’uova, sei son d’oro

ed il settimo di ferro.

Cominciò l’uova a covare,

il ginocchio a riscaldare:

covò un giorno, covò un altro,

covò ancora il terzo giorno:

già la madre delle acque,

quella Vergine dell’aria

sentia caldo sul ginocchio,

come un fuoco sulla pelle;

le parea che nel ginocchio

si struggessero le vene.

Il ginocchio scosse forte,

alle membra diè uno scrollo:

cadder l’uova dentro l’acqua,

giù piombarono nell’onde;

e si ruppero in pezzetti,

si spezzarono in frantumi.

Non si persero nel fango,

non spariron dentro l’acqua:

preser nuova, bella forma

quei frantumi, quei pezzetti:

la metà del guscio sotto

diventò la madre terra;

l’altro mezzo guscio sopra

si mutò nel firmamento;

quel che c’era sopra, giallo,

brillò in cielo come sole;

quel che bianco c’era sopra

diventò luna splendente;

quel che c’era di screziato

brillò in cielo come stelle;

quel che l’uovo avea di scuro

diventò nube nell’aria.

(Da: Kalevala, Runo 1)

 

 

 

 

 

e la creazione del mondo narrare

 

E LA CREAZIONE DEL MONDO NARRAREultima modifica: 2012-01-15T16:30:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo