NI MAS NI MENOS

Precedente capitolo:

i-delatori-e-i-persecutori.html

Prosegue in:

i-delatori-e-i-persecutori-2.html

 

 

 

 

 

Non è chi non loda l’età de l’oro, quando gli uomini erano

asini, non sapean lavorar la terra, non sapean l’un dominar

a l’altro, intender più de l’altro avean per tetto gli antri e le

caverne, si donavano a dosso come fan le bestie, non eran

tante coperte e gelosie e condimenti de libidine e gola; ogni

cosa era commune, il pasto eran le poma, le castagne, le

ghiande in quella forma che son prodotte dalla madre natu-

ra.

Non è chi non sappia qualmente non solamente nella specie

umana, ma ed in tutti gli geni d’animali la madre ama più,

accarezza più, mantien contento ed ocioso, senza sollecitudi-

ne e fatica, abbraccia, bacia, stringe, custodisce il figlio mino-

re, come quello che non sa male e bene, ha dell’agnello, ha de

la bestia, è un asino, non sa cossì parlare, non può tanto discor-

rere; e come gli va crescendo il senno e la prudenza, sempre a

mano a mano se gli va scemando l’amore, la cura, la pia affezio-

ne che gli vien portata da gli suoi parenti.

Non è nemico che non compatisca, abblandisca, favorisca a quel-

la età, a quella persona che non ha del virile, non ha del demo-

nio, non ha de l’uomo, non ha del maschio, non ha de l’accorto,

non ha del barbuto, non ha del sodo, non ha del maturo.

Però quando si vuol mover Dio a pietà e considerazione il suo

Signore, disse quel profeta : – Ah ah ah, Domine, quia nescio….

 loqui….

(Giordano Bruno, Cabala del cavallo Pegaseo, Riccardo Ricciardi ed.)

 

 

 

hjugbvclm.jpg

 

NI MAS NI MENOSultima modifica: 2012-02-06T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo