FRAMMENTI IN RIMA

 

Prosegue in:

Pagine di storia in rima

Foto del blog:

Giuliano Lazzari (fotoblog) &

Pietro Autier (fotoblog)

Libri, pensieri, dialoghi, rime e poesie….

i miei libri

Un sito:

Giuliano Lazzari &

Dialoghi con Pietro Autier 2

 

 

frammenti in rima

 

 

 

 

 

 

Approfitto (come rarissimamente mi sono permesso…), per

presentare, con l’unico mezzo in mio potere, (la casta non

concede vita autonoma ad iniziative ‘diverse e utopistiche),

l’ultimo mio libro.

Un’idea diversa, forse qualcuno potrebbe pensare con acume

storico, ‘vino vecchio in otri nuove’ di sapere. Forse apparten-

go ad ugual utopia con il motivo di una graduale evoluzione

nel vasto mondo creato, …perché in esso fummo anche pagani.

Comporre un libro in rima, …non è cosa facile, riproporre cioè

la natura, il sapere, gioie e dolori, passioni, morte e resurrezio-

ni, di ogni granello di sabbia…, soffio di vento, fiocco di neve,

ghiaccio e fuoco…., e con loro i pensieri di ogni mondo morto

e poi…rinato,…. non è ‘impresa’ facile.

Ogni frammento, eretico e non, è parte del vasto mondo Crea-

to, nell’utopia che lo si possa ricomporre là dove a molti, forse

troppi…, è stato impossibile farlo.

Ho provato quindi ad interpretare quei pensieri, passioni, u-

miliazioni, mortificazioni, ….morte e resurrezioni, chiusi nel-

la ragione della vita; e nello stesso tempo comprendere i mo-

tivi di un radicale rifiuto in essa…, che a mio parere sono irri-

mediabilmente legati ad aspetti di natura antropologica, mai

esaminati prima.

Si sono letti tanti ‘tomi’ in riferimento all’uomo posto nella co-

stante riflessione di Dio, e le cose del creato, e altrattanti tomi

fra coloro che credono in questo Dio (o altro Dio…) e chi inve-

ce, si professa ateo.

Tanti libri Eretici e non, ortodossi e non….

Veri o falsi, ma tutti colmi di qualche verità nuova, forsanche

Dio o chi per lui non l’avesse mai detta, dall’alto della sua infi-

nita intelligenza,  ha benedetto e protetto, dall’alto di ciò che

ancora non comprendiamo.

E dall’alto di questa intuizione ho esaminato un aspetto, a mio,

o suo avviso…, importante e trascurato, il contesto geografico,

sociale ed umano dove queste idee fiorivano, dove ogni singo-

lo embrione e le successive evoluzioni e mutazioni…, si sono

sviluppati in seno al concetto costante di vita.

Non mi dilungo ulteriormente con inutili sermoni, lascio all’u-

topia’ di questo libro ‘gnostico’ la possibilità di vivere assieme

ai tanti a cui, colpa l’intollerenza, l’arroganza, la superbia, e…

non per ultima l’ignoranza, non è stato concesso esprimere la

propria Creazione riflessa nella visione del mondo, e questo…

nell’Universo.

Concludo la breve presentazione con due ‘Frammenti’ di Tom-

maso, scusandomi altresì la breve parentesi che mi sono permes-

so fra i tanti Post a voi proposti di altrettanti innumerevoli autori

in questo blog e quello di Pietro…, a cui ho dato la possibiltà di

parola, ragione, decoro, ….e di cui mai sono stato ripagato.

 

                                  Giuliano Lazzari per Pietro Autier

 

 

 

 

Vangelo di Tomaso:

 

(13) Gesù disse ai suoi discepoli:

‘Fatemi un paragone, ditemi a chi rassomiglio’.

Simon Pietro gli rispose:

‘Sei simile a un angelo giusto’.

Matteo gli rispose:

‘Maestro sei simile a un saggio filosofo’.

Tomaso gli rispose:

‘Maestro, la mia bocca è assolutamente incapace 

di dire a chi sei simile’.

Gesù gli disse:

‘Io non sono il tuo maestro, giacché hai bevuto e

ti sei inebriato alla fonte gorgogliante che io ho

misurato’. 

E lo prese in disparte e gli disse tre parole.

Allorché Tomaso ritornò dai suoi compagni, questi

gli domandarono:

‘Che cosa ti ha detto Gesù?’.

Tomaso rispose:

‘Se vi dicessi una delle parole che egli mi ha detto,

voi dareste mano alle pietre per lapidarmi, e dalle

pietre uscirebbe fuoco e vi brucerebbe’.

 

(18) I discepoli di Gesù dissero:

‘Manifestaci quale sarà la nostra fine’.

Gesù rispose:

‘Avete scoperto il principio voi che vi interessate della

fine? Infatti nel luogo ove è il principio, là sarà pure

la fine. Beato colui che sarà presente nel principio!

Costui conoscerà la fine e non gusterà la morte’.

 

 

 

 

 

frammenti in rima

           

FRAMMENTI IN RIMAultima modifica: 2012-02-17T10:30:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo