IL GIRO DELLA MORTE DEL DOTTOR CLARK

Prosegue in:

la-cauzione.html 

 

 

il giro della morte del dottor clark

 

 

 

 

 

 

Mi sono chiesto spesso cosa avrebbe fatto il babbo se avesse

saputo che proprio in quell’anno avevo anche bevuto il mio

primo sorso di whisky.

Era successo durante le nostre vacanze estive a Muskegon.

Mi avevano dato dei piccoli sorsi di birra anche da bambino.

Molte persone in quegli anni pensavano che la birra fosse una

bevanda sana, a metà tra un tonico e una medicina.

Le attribuivano persino una integrità morale, parlando di un’

onesto boccale di birra’.

Ma per il whisky era diverso.

 

BusterKeaton_in-a-bar.jpeg

 

Come ci dicevano i preti e gli editoriali dei giornali, il whisky

era il male in persona, e sembrava che venisse distillato all’infer-

no.

Il mio primo bicchiere me lo feci con un amico di Bluffton, Lex

Neal. A quei tempi aveva 19 anni, due più di me, poi diventò un

autore di testi di canzoni, e scrisse anche le gag per me. Era stato

appena lasciato dalla bellezza locale, ed ero indignato più io che

lui.

Ma non mi ricordo più il suo nome.

Mi ricordo che era la figlia del Commissario per gli Acquedotti

della Contea di Muskegon.

– Ti proverò che sono un amico vero,

gli dissi,

– non facendoti ubriacare da solo. Mi ubriacherò anche io.

Sembrava un giorno perfetto. Oltre alla tragedia amorosa di Lex, la

nostra squadra di baseball aveva perso l’ennesima partita. Né io né

 

Picnic 3.JPG

 

Lex avevamo il coraggio di chiedere una bottiglia di whisky nell’

unico bar di Bluffton, la Pasco’s Tavern. Chiedemmo al signor Fe-

eney, il proprietario di un campeggio per turisti, di comprarla per

noi.

L’impresa presentava però una difficoltà, perché il campeggio –

che poi erano baracche e tende per chi voleva fare dei pcnic – era

su un rialzo del terreno alto venti metri. Si arrivava al campeggio

di Feeney salendo una traballante scala a pioli. Quando il gentile

Feeney tornò con il whisky, io e Lex bevemmo tutta la bottiglia in

due scambiandoci riflessioni filosofiche sulla perfida natura delle

donne.

Ci promettemmo anche reciprocamente di non sposarci mai, per

quanto fossero belle le ragazze che volevano intrappolarci.

Al calar della sera io ero cotto. Ma Lex, forse perché aveva avuto

qualche altra esperienza con il whisky, era in condizioni un po’

migliori delle mie.

Fece del suo meglio per aiutarmi a scendere dalla scala a pioli di

Feeney. Ma era una notte senza luna, e dopo uno scalino o due

 

tumblr_l6kgyzDunQ1qzhl9eo1_500.jpg

 

caddi giù senza farmi male, perché la sabbia era soffice e coperta

da erba molto folta. La mia caduta fece capire a Lex che non ero

in grado di andare a casa. Mi portò a casa sua dove la madre, una

vecchia fragile donna del Sud che fumava con una pipa di tutolo,

mi mise a letto e mi aiutò, il mattino dopo, a superare i postumi

della terribile sbornia.

Dopo quell’esperienza non ho bevuto mai più il whisky fino a

quando, anni dopo, non andai soldato nella Prima guerra mon-

diale.

Per circa dieci anni la mia vita seguì lo stesso andamento, fatto di

estati di sogno a Booth Tarkington e di inverni passati a fare il clown

in giro per la nazione. Mi è sempre piaciuto esibirmi. Ma era un lavo-

ro duro, e c’erano dei momenti in cui non era molto divertente.

Per esempio capitò, era una mattina di lunedì, che dovemmo allun-

gare a un’ora e mezza il nostro show di 17 minuti mentre lo spettacolo

che veniva dopo di noi sistemava l’attrezzatura dietro le quinte.

Quell’attrezzatura era difficile da montare, lo show era una acrobazia

motociclistica chiamata ‘Il Giro della Morte del dottor Clark’.

 

CRI_113330.jpg

 

Era un’immensa sfera fatta di strisce di acciaio poste a poca distanza

l’una dall’altra. Un motociclista vi entrava dentro, cominciava andando

piano nella parte inferiore della sfera, poi accelereva e saliva sempre

più in alto. L’apice dello spettacolo veniva quando cominciava a fare

il giro della morte, a testa in giù, dentro la sfera….

(Buster Keaton, Memorie a rotta di collo)

 

 

 

 

 

buster-keaton-reads-at-home_opt.jpg
IL GIRO DELLA MORTE DEL DOTTOR CLARKultima modifica: 2012-02-27T12:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo