LA SCIMMIA INDOVINA E I PIRATI

Precedente capitolo:

c-e-qui-la-scimmia-indovina.html

Prosegue in:

e-i-pirati.html

Il mio ultimo libro:

 

la scimmia indovina e i pirati

 

frammenti-in-rima.html &

imieilibri.myblog.it

Foto del blog:

giulianolazzari.fotoblog.it

Un sito:

www.giulianolazzari.com

 

 

 

 

 

 

 

Realejo Nicaragua 16 aprile 1579

 

Salpai dal porto di Acapulco il 23 marzo e navigai sino al sabato 4

aprile: giorno in cui, un’ora prima dell’alba, avvistammo al chiaror

lunare una nave vicinissima alle nostre.

Il nostro timoniere le gridò di togliersi dalla nostra rotta e di non

affiancarsi al nostro bordo, ma non ebbe alcuna risposta; sembra-

va che tutti dormissero.

Il timoniere allora gridò ancora più forte, chiedendo questa volta

alla nave il porto di provenienza.

“Siamo del ‘Miguel Angel’ e veniamo dal Perù”, fu la risposta.

 

la scimmia indovina e i pirati

 

La nave avversaria mise in mare un battello di prua quasi voles-

se esserne rimorchiata; poi, improvvisamente, ci passò di poppa

ordinandoci di ammainare le vele e sparandoci sette o otto colpi

di archibugio.

Dapprima ritenemmo non fosse che un gioco, ma in breve la cosa

volse al serio. Da parte nostra non vi fu resistenza alcuna; a bordo,

se si accettuano cinque o sei uomini svegli, tutti dormivano, sì

che quelli poterono salire sulla nostra coperta senza correre

rischio, come se fossero stati nostri amici.

 

la scimmia indovina e i pirati

 

Non usarono violenze personali ad alcuno; si limatarono a privare

i passeggeri delle spade e dei denari che portavano su di sé.

Avuta la certezza di quanti erano a bordo, a me ordinarono di

passare sulla nave ove era imbarcato il loro generale, e ne fui

contento poiché in tal modo avrei avuto più tempo per raccomanda-

re la mia anima a Dio. Ma in breve giungemmo da lui, a bordo di

un ottimo galeone, così potentemente armato che in vita mia mai mi

era capitato di vederne uno simile.

Il generale passeggiava in coperta; avvicinandomi a lui, gli baciai le

mani. Mi accolse con atti di cortesia, mi accompagnò nel suo alloggio

e mi pregò di sedermi.

“Coloro che dicono la verità”, soggiunse, “possono contare sulla mia

amicizia, ma il mio umore si fa pessimo con i mentitori.

Sicché dovrete dirmi: quanto oro e argento trasporta la vostra nave?”.

 

la scimmia indovina e i pirati

 

“Punto”, risposi.

Mi ripeté la domanda.

“Né oro né argento abbiamo”, insistetti, “ad eccezione di qualche

piatto e qualche tazza come può ben vedere, siamo povera gente

di bordo; non vi è altro, eccetto scritti, libri e poesie…”.

Il generale tacque per qualche istante, poi, riprendendo la conversa-

zione, mi domandò se conoscevo Vostra Eccellenza.

“Sì”, risposi.

Questo generale inglese è nipote di John Hawkins ed è lo stesso

che, cinque anni or sono, conquistò il porto di Nombre de Dios.

Si chiama Francissco Drac, e ha circa 35 anni. 

E’ di bassa statura, con barba bionda, è uno dei più grandi marinai e

pirati (per non usare altro aggettivo offensivo a sua Eccellenza) che

solchino le onde, e come navigatore e come capitano.

Il suo vascello è un galeone di circa 400 tonnellate, un veliero

perfetto; il suo equipaggio è composto da circa 100 uomini, tutti

validi e in età da poter combattere; il loro addestramento è tale che

si possono paragonare a veterani d’Italia. Ognuno prende particolar

cura di tener pulito il proprio archibugio.

Il generale tratta amorevolmente i suoi soldati, e ne è ricambiato 

con il massimo rispetto. Al suo fianco vi sono sempre nove o dieci

cavalieri, cadetti di nobili famiglie inglesi.

Questi fanno parte del suo consiglio privato che viene convocato

anche per motivi più futili, sebbene il generale non segua che i

propri consigli: ma si diverte ad ascoltare ciò che dicono gli altri,

per ordinar poi solo ciò che più gli aggrada.

Non ha alcun favorito.

(Francisco da Zaratei, Incontro in mare con Drake)

 

 

 

 

 

la scimmia indovina e i pirati

  

LA SCIMMIA INDOVINA E I PIRATIultima modifica: 2012-03-03T00:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo