L’ ‘ERACLIO’ DELLA STORIA (2)

l'eraclio della storia 2



Precedente capitolo:

l-eraclio-della-storia.html

Prosegue in:

l-eraclio-della-storia-3.html

Foto del blog:

l-eraclio-della-storia-2.html

Blog:

i-miei-blog.html

Appunti, dialoghi, ….rime:

imieilibri.myblog.it 


 

l'eraclio della storia 2








…..Pur sforzandosi di perdonare con il pretesto dell’interrogatorio,

il potere che lui stesso ha permesso e concesso, per una diversa

espressione ed interpretazione.

In ciò ‘fratello Eraclio’ è la massima condizione del potere stabilito,

che attraverso il dissenso promosso in seno alla stessa sua Istituzio-

ne, governa e controlla anche la mano avversa.

Di cui, poi, nella stessa manifestazione, saprà guidare.

Eraclio si appoggia alla sua Eresia preferita, e tacitamente perdona

il libro e la mano. La parola, dove proviene tanto inganno.

Almeno fintanto che, l’oscuro dire, può servire a tutti per il monito

e la bestemmia che appartengono al Demonio e non solo.

Nel sovrintendere questa doppia funzione, all’altare del suo credo,

Eraclio ottiene innumerevoli benefici.

Perché sa che la verità anche se predicata o divulgata, potrà appari-

re sempre un’oscura bestemmia per qualsiasi mente prestata alla

costanza dei libri e quindi del tempo, di cui lui è custode e signo-

re.

Tutto il dire è stato ed è sapientemente riscritto, ed ogni parola non

è lasciata al caso della dubbia interpretazione. Chi esercita questo

difficile compito della storia e non solo, è a sua volta un libro di

sapere, dove gli altri fratelli debbono verificare che la giusta com-

prensione di ogni dire, venga collocato nella corretta disposizione

di e in ogni scaffale. 

 

l'eraclio della storia 2


Nulla può sfuggire a questo meccanismo preciso del tempo.

Qualsiasi ‘fratello’ che tenta qual si voglia sovvertimento, cade nel-

la classificazione di altri solerti ‘fratelli’ incaricati della stessa sua

opera. 

Il meccanismo può durare così in eterno.

Perché colui che saprà sempre far regnare la giusta parola, sarà

compensato all’altare di Eraclio. Ed ogni privilegio è governato

da ‘fratello eraclio’ e dai suoi consimili.

Pietro è, con la stessa intelligenza, sfuggito a questo inganno.

Pur divenendo parte fondamentale dell’inganno stesso.

La sua opera è fondamentale per il consolidamento del potere 

di Eraclio perché il suo dire mai sarà compreso nella probabile

estensione del divenire.

Ma sempre rilegato ad una stretta cerchia, dove l’inganno del 

gesto viene confuso con una calunnia nuova.

Una diceria cui costruire una accusa più infamante della prima,

da promulgare in ragione della (continuità) storia.

(prosegue)

(Giuliano Lazzari, Dialoghi con Pietro Autier)






 

l'eraclio della storia 2

 

L’ ‘ERACLIO’ DELLA STORIA (2)ultima modifica: 2012-04-21T12:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo