POLITICI E FONDAMENTALISTI

Prosegue in:

politici-e-fondamentalisti-2.html




 

 

Ma la ragione, da sola, non basta.

E’ necessario anche uno spazio pubblico, universalmente accessibile,

nel quale gli individui possano comunicare liberamente e denunciare

l’uso illegittimo o malaccorto del potere.

Hannah Arendt, che si è occupata dei totalitarismi del Ventesimo

secolo, ha sottolineato l’importanza della sfera pubblica in questo

processo: ” I soli rimedi contro l’abuso di pubblico potere da parte

di individui privati stanno nella sfera pubblica stessa, nella luce che

emette ogni atto compiuto nell’ambito della vita pubblica, nell’

inevitabile visibilità cui espone tutti quelli che vi entrano.”

Se lo spazio pubblico non è aperto a tutti, chi ne controlla l’accesso

ne diventa automaticamente il guardiano; se decide di far pagare

un biglietto d’ingresso, gli individui più ricchi acquistano una maggiore

capacità di partecipare, mentre le idee degli uomini e delle donne

che non possono sostenere il costo del biglietto d’ingresso allo spazio

pubblico non vengono più prese in considerazione.

Ma se le opinioni di questi ultimi rimangono tagliate fuori

dallo spazio di pubblica discussione, la meritocrazia delle idee,

che è sempre stata il cuore pulsante della teoria democratica, si inceppa;

il dialogo democratico viene così sottratto al principio di ragione e

può essere facilmente manipolato.

(Al Gore, L’assalto alla ragione, Feltrinelli)




 
 

la politica della ricchezza

POLITICI E FONDAMENTALISTIultima modifica: 2012-06-05T06:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo