L’ARTE DELLA FAME (dedicata ad Arturo Frizzi, Mantova 1864, Cremona 1940) (1)

Prosegue in:

l-arte-della-fame-2.html &

il-tramonto-della-cuccagna.html


 

l'arte della fame 1

 

 





Zingara di un Rozzo recitata da un contadino

in ottava rima.

 

                                                  

                                      Canzona

 



Zingar siamo sfortunati

  che patiamo  affanni e stento,

  sempre stiamo all’acqua e ‘l vento

  e per tutto siam scacciati,

  zingar siamo sfortunati.

  

Non avià casa né tetto,

  né villaggi né contrade;

  paglia e fieno è ‘l nostro letto,

  acqua e pan per povertade,

  regn’ in noi poca bontade

  questo ci è maggior dispetto;

  di far mal aviam diletto

  ma siam spesso castigati,

  zingar siamo sventurati.

 

   Il villano comincia.

 

Chi fece il Cielo, e ‘l mondo tutto quanto

  salvi e mantenga la nostra sciellentia

  e la faccia salir di grado tanto

  quant’è maggior d’ognun nostra prudenza

  che d’ingegno et valor portate il vanto

  Signor benignio e Padre di crementia,

  governatore e general pregiato

  ch’ illustre sete a sì felice stato.

 

l'arte della fame 1

 

Voi siate tutti quanti e ben trovati

  uomini, donne, citole e garzoni

  e anco tutti chiesti innamorati

  stien sempre in feste in canti balli e suoni,

  e certi ch’ al dir mal sono sempre usati

  gli sie cotte le lengue in su’ carboni

  certe lenguacce che filan capechio

  siegli ogni sempre bruciato il parechio.

 

l'arte della fame 1

 

So’ de Rozzi Strillozzo da Scanzano

  che vo’ cercando il mondo in ogni parte

so’ fatto delli zincari capitano

  per far girar mia fama in mille carte,

  e perché il lagorar mi pare strano

  io vo’ provar un poco a far chest’arte

  potrò con loro furar alla sicura

  senza aver delle scope paura.

 

l'arte della fame 1

 

Or sì ch’io sguazzo com’un beraiuolo

  et ho sempre un biancon nel mio borsello

  posso far ora il furbo e ‘l mariolo

  tagliar le borse quand’io veggo il bello

  ma chest’arte so ch’io non so’ solo

  ch’apro le casse senza grimaldello

  e perché io non vo’ far tante ruine

  lasso i pollai e furo le galline.

 

l'arte della fame 1

 

E se venir con noi donne volete

  v’insegnaremo a far nostri lagori

  a furbachiar le genti impararete

  e certi incanti da trovar tesori

  e poi all’altre insegnar potarete

  cose da far corsire gli amadori

  e insegniaremvi per maggior contento

  a fare a che gli è fuore, a che è dentro.

 

l'arte della fame 1

 

Noi andarem, potta di guinci, a valle

  per case come le golpi e faine,

  furarem porci, troie, asine, cavalle,

  votiarem forni e scassarem cantine;

  e quand’arem po’ ben carche le spalle

  darem gambe per cheste colline

  scorrendo sempre, acciò che ognun tarpi,

  a Mirandola il dì, la notte a Carpi. 

 

l'arte della fame 1

 

Or se venir con noi pigliate cura,

  farete delle nostre mascalcie,

  potrete dar a gli uomini la ventura

  e far incanti, fatture e malie;

  ladroncelle voi sete di natura

  avvezze a gabbar altri e dir bugie

  ch’embroglierete altrui per parer belle

  e votiarete a gli uomini le scarselle.

(Biblioteca comunale degli Intronati, Siena, Raccolta di diverse

rime delli più dotti Rozzi)



 

 

 

 

l'arte della fame 1

  

 

L’ARTE DELLA FAME (dedicata ad Arturo Frizzi, Mantova 1864, Cremona 1940) (1)ultima modifica: 2012-06-22T14:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo