PEETER STUBBE

Precedente capitolo:

processi-comunali.html

Prosegue in:

stubbe.html

Foto del blog:

peeter.html


 

peeter stubbe








…..Spesso avveniva che mentre si aggirava lontano dalla città,

scorgesse nei campi una compagnie di giovinette che giocava-

no tra loro; ed allora, sotto l’aspetto di lupo, si lanciava in mez-

zo ad esse con il fallo retto ed eccitato; e mentre tutte le ragazze

scappavano di qua e di là, afferratane una e soddisfatti i suoi

turpi desideri, la uccideva immediatamente; anzi, se ne cono-

sceva una in particolare o aveva qualche preferenza per una di

quelle ragazze, inseguiva quella sola, e isolata dalle altre com-

pagne, la afferrava, perché quando era trasformato ed eccitato

in lupo era estremamente veloce, tanto che avrebbe superato

nella corsa il più veloce levriero del paese.

 

peeter stubbe


Aveva dato prove della sua malvagità che tutta la provincia

era terrorizzata dalla crudeltà di quel lupo sanguinario e divo-

ratore. Continuando le sue atroci e diaboliche imprese, nel giro

di alcuni anni uccise tredici bambini di carne tenera e due gio-

vani donne incinte, strappando loro i feti nel modo più sangui-

nario e selvaggio e mangiando i cuori caldi, crudi e palpitanti,

che considerava i bocconi più delicati e più adatti al suo atroce

ed inappagato appetito.

Non solo, ma si narra che uccise nelle montagne agnelli e capret-

ti e animali di questo genere, dopo averli offerti in sacrificio al

Diavolo. Li divorava crudi e sanguinolenti, proprio come se fos-

se stato un vero lupo, tanto che nessuno avrebbe mai osato pen-

sare che si trattasse di un’opera di stregoneria.

 

peeter stubbe


In quel periodo, con lui viveva sua figlia, una ragazza giovane

e bella proprietaria di una locanda, verso la quale nutrì il più

innaturale dei sentimenti, commettendo con lei un abominevole

incesto, peccato turpe e contro natura, di gran lunga più terribi-

le dell’adulterio e della fornicazione, anche se il minore di questi

tre peccati già può condannare l’anima al fuoco dell’inferno, sal-

vo il pentimento dell’anima e la grande misericordia di Dio.

Conobbe questa sua figlia quando non era ancora dedito total-

mente al male: si chiamava Beel Stubbe e la sua grazia e la sua

bellezza erano tali da destare l’ammirazione di tutti coloro che 

la conoscevano.

La sua brama e i suoi turpi desideri nei suoi riguardi erano tali

che egli ne abbe un figlio e aveva rapporti quotidiani con lei

come concubina.

Quella immonda e insaziabile bestia, ormai completamente de-

dita al male, mostrò la sua lussuria giacendo anche con la pro-

pria sorella, avendo rapporti con lei per lungo tempo, perché a

questo lo spingeva la malvagità del suo animo.

 

peeter stubbe


Una volta che la donna era andata da lui a fare quattro chiacchiere,

prima che andasse via, era riuscito ad ammaliarla coi suoi discorsi

dolci e lusinghieri e ad annullarne la volontà a un punto tale da

giacere con lei, e in seguito l’ebbe sempre pronta ai suoi voleri.

Aveva, anche, un figlio giovane e bello, nato quando era ancora

giovane, il primo frutto del suo corpo, cosa per cui provava grande

gioia, tanto che spesso lo chiamava conforto del suo cuore: eppure

il piacere dell’assassinio prevalse sull’amore che provava per quel 

suo unico figlio. 

Assetato del suo sangue, un giorno lo invitò a seguirlo in campa-

gna; si appartò in una vicina foresta con la scusa di fare i propri

bisogni e, mentre il giovinetto lo precedeva, si nascose assumendo

l’aspetto di lupo e si avventò su di lui dilaniandolo con atroce cru-

deltà. 

Fatto ciò, ne divorò il cervello estratto dalla testa, come se questo

fosse il modo più raffinato per calmare il suo appetito. Fu questo

l’atto più mostruoso di cui si abbia memoria, perché mai fu udito

parlare di un uomo malvagio la cui natura fosse così degenerata.

Poi dopo questi misfatti, correva libero per i suoi boschi…..






 

peeter stubbe


PEETER STUBBEultima modifica: 2012-06-26T07:00:00+00:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo